/ Attualità

Attualità | 23 marzo 2022, 15:15

Stellantis o non Stellantis? Intanto Torino aspetta VTM e i fondi dell'Area di crisi complessa

Domani i sindacati incontrano Cirio e Lo Russo verso il vertice con Tavares. Il 30 e 31 marzo alle OGR, invece, seconda edizione del congresso internazionale su automotive e trasporti. Gallina: "Entro giugno i soldi da Roma"

conferenza VTM 23-3-2022

Torino studia la mobilità del futuro: torna VTM

Elettrificazione, idrogeno, guida autonoma, intelligenza artificiale e sicurezza digitale. In attesa di saperne di più sul futuro e sulla presenza di Stellantis in città, Torino si dedica alla mobilità del domani.

Domani il vertice tra Cirio, Lo Russo e i sindacati

Domani pomeriggio si vedranno nella sede della Regione i segretari piemontesi di Cgil, Cisl e Uil, Giorgio Airaudo, Alessio Ferraris e Gianni Cortese, insieme ai rappresentanti di Fim, Fiom e Uilm, in vista dell'incontro del 28 marzo a Mirafiori del presidente del Piemonte, Alberto Cirio, e del sindaco di Torino, Stefano Lo Russo con il presidente e l’ad di Stellantis, John Elkann e Carlos Tavares. "A 18 mesi dalla nascita del gruppo, riteniamo sia tempo che ci sia un incontro anche con i sindacati”, hanno fatto notare i segretari. 

 

Area di crisi complessa: "Entro giugno arrivano i soldi"

"Su Stellantis il dialogo va bene. Senza grandi gruppi, un territorio fa fatica a proseguire nella progettazione e nell'innovazione - dice Dario Gallina, presidente della Camera di Commercio di Torino - È fondamentale che Torino mantenga un ruolo centrale di progettazione, oltre alle presenze produttive". Anche perché, nel frattempo, potrebbero arrivare altre risorse: "Dopo tanta attesa dovremmo essere poi a buon punto per le risorse dell'Area di Crisi complessa: secondo me entro giugno dovremmo esserci", ha aggiunto Gallina. Una speranza che ormai fa data al 2020.

 

Seconda edizione del Congresso alle OGR

Ma se il 28 c'è il vertice a Mirafiori, due giorni dopo si aprirà la seconda edizione di Vtm, il congresso internazionale dedicato all'innovazione dei trasporti. Un evento che alle OGR, dal 30 al 31 marzo, porterà oltre 300 aziende da 25 Paesi e 127 buyer. Numeri in grande crescita rispetto all'edizione del 2018. "Nella nuova programmazione sono previsti 15 milioni in più, per un totale di 45, per l'internazionalizzazione e 35 per l'attrattività - dice Fabrizio Ricca, assessore regionale all'internazionalizzazione - Stiamo ripartendo per dare di nuovo spazio alle potenzialità delle nostre aziende".

"È importante avere vetrine di questo genere, per il presente e per il futuro - aggiunge il presidente camerale Gallina - perché dobbiamo guardare nel medio e nel lungo periodo. Si fa politica industriale anche così, promuovendo le eccellenze e le opportunità che il nostro territorio è in grado di offrire. Se il 62% delle aziende della filiera dice che sta sperimentando innovazioni è un segnale importante".

Molte le novità rispetto alla prima volta

"Questa edizione sarà molto diversa dalla prima - conclude Dario Peirone, presidente del Ceipiemonte - vogliamo portare opportunità di business alle aziende del territorio. In questi anni non facili abbiamo accompagnato 250 PMI, che non sono poche. E con i nuovi fondi, mirati alle piccole e medie, potremo fare ancora di più. Ma anche le Grandi imprese sono tornate a Vtm, come mai prima: Stellantis, ma anche Bosch, Sabelt, Avl e molte altre ancora".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium