/ Attualità

Attualità | 18 maggio 2022, 14:30

Rivalta, al via cantiere da 6 milioni nel condominio Atc grazie agli incentivi del Superbonus 110%

L'intervento in via Labriola-via Salvo D’Acquisto. Oggi la visita del presidente dell’Agenzia Torinese con la società che cura l’intervento

Rivalta, al via cantiere da 6 milioni nel condominio Atc grazie agli incentivi del Superbonus 110%

Un cantiere da 6 milioni e mezzo di euro al via grazie agli incentivi del Superbonus 110% rimetterà a nuovo il condominio Atc di via Labriola-via Salvo D’Acquisto a Rivalta. Il complesso edilizio, costruito nel 1979, conta 4 palazzine per complessivi 78 appartamenti tra edilizia sociale e proprietari privati.

I lavori, affidati a Mieci, società del gruppo Renovit specializzata nella riqualificazione e gestione energetica del patrimonio pubblico, sono partiti da qualche settimana, prima con l’installazione dei ponteggi e il montaggio della gru, poi con i primi interventi.

La riqualificazione energetica prevedrà la realizzazione di cappotto termico sulle facciate, la coibentazione del tetto, la sostituzione degli infissi e la rimozione delle caldaiette presenti per la realizzazione di un sistema centralizzato per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria, con contabilizzatori individuali per la regolazione della temperatura e il monitoraggio dei consumi anche da remoto. L’impianto verrà alimentato in forma ibrida anche grazie ai nuovi pannelli fotovoltaici montati sulla copertura degli stabili. Verranno inoltre realizzati interventi di miglioramento sismico locale, a cui si aggiungeranno ulteriori opere edilizie sulle parti comuni (montascale, rampe) per rendere gli edifici maggiormente accessibili anche alle persone con disabilità.

Il tutto, grazie ai benefici fiscali, a costo zero sia per Atc che per i proprietari privati (si tratta infatti di stabili amministrati in regime condominiale dove sono presenti sia appartamenti di proprietà pubblica che di privati, ex inquilini che hanno acquistato “a riscatto”). L’iniziativa porterà ad una riduzione del fabbisogno energetico degli edifici pari al 65% e a un salto di ben 4 classi energetiche per 2 palazzine – dalla G, la più inefficiente, alla C – e di 3 per le altre – dalla G alla D. Oltre alla riqualificazione degli edifici, Mieci affiancherà i condomini nella gestione e manutenzione integrata degli impianti energetici per un periodo di 10 anni, così da garantire nel tempo prestazioni energetiche ottimali.

Questa mattina il presidente di Atc del Piemonte Centrale Emilio Bolla, insieme ai rappresentanti dell’impresa e ai tecnici dell’Agenzia, ha visitato il cantiere, ricordando che "questo intervento permetterà non solo di intervenire sulla vetustà degli edifici ma anche di abbattere in modo importante i consumi energetici interessati, come tutti sappiamo, da aumenti esponenziali dovuti all’incremento dei costi delle materie prime. Le famiglie potranno così non soltanto abitare in edifici completamente rimessi a nuovo ma anche risparmiare sulle bollette degli anni a venire".

Ad oggi sono una ventina sul patrimonio dell’Agenzia Territoriale per la Casa torinese i cantieri superbonus già avviati, 170 le assemblee condominiali già svolte o convocate e 154 gli studi di fattibilità approvati per dare il via ad altri lavori, per un importo stimato complessivo di 280 milioni di euro.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium