ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 31 maggio 2022, 06:00

Una fontana luminosa al Valentino? Il Comune cauto: “Da valutare i costi, approfondiremo"

La proposta è di un gruppo di cittadini che ha presentato un progetto privato, dai costi variabili. Tresso frena: "Giochi d'acqua strumenti delicati e onerosi"

fontana luminosa

Una fontana luminosa al Valentino? Il Comune cauto: “Da valutare i costi, approfondiremo"

Una fontana luminosa al Valentino, con giochi d'acqua e musica. Proprio come nelle grandi città internazionali come Las Vegas e Dubai. Il sogno è quello di un centinaio di torinesi, che hanno proposto di dare nuova vita alla fontana del parco, quella progettata anni fa da Guido Chiarelli e inaugurata nel 1955.

Sogno (per adesso) destinato a restare tale

Un sogno, per il momento, destinato a rimanere tale. Questo è quello che si evince dalle parole dell'assessore con delega alle fontane e ai monumenti, Francesco Tresso: "Trovo giusto voler ridare valore dal punto di vista turistico al Valentino, Eurovillage ci ha dato uno strumento per ragionare: bisogna però capire come coordinarsi. Credo sia necessario approfondire la questione".
"Serve inoltre sentire il parere della Sovrintendenza, il percorso non è immediato" ha precisato Tresso. L'assessore ha poi ricordato che i giochi d'acqua, caratteristici a Torino, sono strumenti estremamente delicati. La fontana del Chiarelli, con 31 pompe, necessiterebbe di un controllo assiduo, cicli di gelo e sgelo, riciclo dell'acqua e manutenzione. Un costo non da poco. Ecco perché l'impegno comunale, al netto della volontà, non è certo. Anzi.

Necessarie verifiche più approfondite

Così come, pur apprezzando la proposta presentata dai cittadini, la volontà di Palazzo Civico, prima di esternalizzare un progetto così importante per la Città a un privato, è quella di avviare verifiche più approfondite e avere un quadro d'insieme più completo.
"Se la fontana volesse realizzarla il Comune, Iren o altri enti, siamo pronti. Non abbiamo preclusioni di alcun tipo. Noi possiamo rimetterla in funzione con un progetto a costo zero per il Comune" affermano i presentatori della proposta di petizione. I costi però rimangono un rebus e variabili: tra 700.000 euro e 1,2 milioni di euro. Cifre ballerine e poca chiarezza, che non aiutano la fontana del Valentino a tornare agli antichi fasti.

Andrea Parisotto

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium