/ Attualità

Attualità | 02 giugno 2022, 06:45

Ti ricordi Eurovision? Altro che Valentino, adesso Piazza D'Armi è un campo di patate (e ancora si smonta) [FOTO]

A oltre due settimane dalla fine della kermesse proseguono i lavori di smantellamento delle strutture vicino al Pala Olimpico. Ma dell'erba non c'è più traccia

piazza d'armi transennata

Ti ricordi Eurovision? Altro che Valentino, adesso Piazza D'Armi è un campo di patate

Ma vi ricordate Eurovision? Era ieri, ma con il Salone del Libro, il Giro d'Italia, il Consiglio d'Europa e oggi il Festival internazionale dell'economia sembrano passati mesi.

Si smonta ancora

E invece no: l'Ucraina ha trionfato la sera del 14 maggio e in oltre due settimane di tempo in Piazza d'Armi stanno ancora proseguendo i lavori di smantellamento. Spariti quasi subito la passerella sospesa e le altre strutture come il palco della Rai, le ultime ad andarsene sono le tensostrutture che si sono piazzate di fronte al Pala Olimpico.

Ancora oggi, ormai giugno, ruspe e operai faticano per smontare le ultime vestigia dell'area dedicata a media e delegazioni. Restano poche testimonianze, qualche basamento e alcune lastre di metallo. Ma quel preoccupa è lo stato del prato.

Un campo di patate

Se infatti aveva destato scandalo lo stato in cui l'Eurovillage aveva lasciato il Parco del Valentino, qui a Piazza D'Armi la situazione sembra ancora peggiore. Un vero campo di patate per molte decine di metri quadri. Non solo erba gialla, ma proprio terriccio in superficie, dove una volta la domenica giocavano a pallone i bambini. Oppure gli adulti prendevano la tintarella.

Poche chiazze di verde pallido qui e là. Mentre il resto è terra e nulla di più. Non proprio uno spettacolo incoraggiante, anche in attesa di una bella stagione che porterà la gente a vivere sempre più ore all'aria aperta.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium