/ Cronaca

Cronaca | 22 giugno 2022, 08:11

Terrore a Torino: spari contro un clochard, un uomo massacrato in un’ex fabbrica abbandonata

Dalle Vallette ad Aurora, dilaga la violenza. In poche ore due episodi che rilanciano un tema più che mai sentito: quello della sicurezza

Terrore a Torino: spari contro un clochard, un uomo massacrato in un’ex fabbrica abbandonata

Terrore a Torino: spari contro un clochard, un uomo massacrato in un’ex fabbrica abbandonata

La violenza dilaga a Torino. Nelle ultime 48 ore, ben due episodi di cronaca hanno visto come vittime due senzatetto. Uno di loro è stato massacrato e accoltellato, l’altro invece ha subito un’aggressione a colpi di arma da fuoco.

 

Spari in via Sansovino: “Te ne devi andare da qui”

 

Momenti di tensione in via Sansovino, dove qualcuno ha sparato a un clochard al termine di una lite. Stando a una prima ricostruzione, un gruppo di persone si è avvicinato a un 26enne che stava dormendo in un giaciglio in strada, nel quartiere Vallette, intimandogli di allontanarsi. L’uomo ha rifiutato e qualcuno poco dopo gli ha sparato a una gamba destra. Immediata la corsa in piena notte al Mauriziano. Il clochard, non in pericolo di vita, se l’è cavata con una ferita e una prognosi di dieci giorni. Sul caso indaga la polizia, che ha acquisito le telecamere di video sorveglianza per accertare la reale dinamica dei fatti.

 

Clochard massacrato

 

Altra zona, ma sempre violenza invece per l’episodio avvenuto nel quartiere Aurora, tra i ruderi dell’ex fabbrica abbandonata delle Officine Grandi Motori: qui un senzatetto di 51 anni è stato letteralmente massacrato da un gruppo di persone. I motivi non sono noti e le indagini dei carabinieri sono in corso. Con ogni probabilità, si tratterebbe di una lite tra clochard. Di certo, l’uomo è stato ricoverato in gravi condizioni all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino. Ora è in terapia intensiva, ma non sarebbe in pericolo di vita. 

 

 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium