/ Eventi

Eventi | 04 ottobre 2022, 08:42

Cit Turin, piazza Benefica guarda oltre il mercato: domenica ospiterà la "maratona" con protagonisti i bambini del quartiere

L'evento ha l'obiettivo di coinvolgere tutte le famiglie residenti nell'area per festeggiare l'inizio dell'anno scolastico e per promuovere lo sport tra i più piccoli, ma anche per sperimentare un utilizzo alternativo della piazza

Cit Turin, piazza Benefica guarda oltre il mercato: domenica ospiterà la "maratona" con protagonisti i bambini del quartiere

Un evento che coinvolge i bambini per "rigenerare" un'area. O, meglio, per creare una comunità. E' l'iniziativa che nasce nel più piccolo dei quartieri di Torino, il Cit Turin, che domenica prossima 9 ottobre ospiterà una mini-maratona con protagonisti i bambini delle scuole elementari dell'istituto IC Rita Levi Montalcini, ma anche di tutte le scuole per l'infanzia, delle primarie e delle medie del quartiere.

A organizzare l'evento sono il Comitato Verde Cit Turin e l'associazione MontalCit – Insieme per la Scuola – APS, con il Patrocinio del Comune di Torino e della Circoscrizione 3. L'appuntamento è dalle 9 del mattino fino alle 13. La corsa non competitiva servirà a festeggiare insieme l’inizio dell’anno scolastico, ma allo stesso tempo sperimentare usi diversi di Piazza Benefica, cuore del Cit Turin e oggi sede di uno dei mercati più rinomati dell'intera città.

Si partirà con una corsa in staffetta non competitiva che si svolgerà in piazza Benefica e a seguire tanti sport da provare con gli amici: pallacanestro, atletica, roller e hit-ball. L’iniziativa è anche a scopo benefico, per azioni di sostegno educativo rivolte a famiglie in condizioni di vulnerabilità. La quota di partecipazione permetterà infatti di supportare 1.100 bambini seguiti dal Progetto Abito della Società San Vincenzo de Paoli.

"Iniziative come questa sono molto importanti per permettere ai bambini e ai ragazzi di imparare a conoscere le vie, le strade e le piazze del proprio quartiere, ma allo stesso tempo sono utili anche ai cittadini che possono venire a diretto contatto con le scuole, che sono una realtà fondamentale del territorio ma spesso restano chiuse all'interno di quattro mura", spiega l'assessore all'Istruzione del Comune Carlotta Salerno, "Invece le scuole devono imparare a uscire e a coinvolgere, oltre che farsi coinvolgere, dal territorio".

Daniele Angi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium