/ Politica

Politica | 03 novembre 2022, 14:46

Rave Party, il ministro Bernini: “La norma non si applicherà alle manifestazioni di dissenso nelle università”

Il ministro dell’Università difende il provvedimento: “Può essere modificato, ma a un comportamento illecito, abusivo e illegale deve corrispondere una sanzione”

rave party stupinigi e bernini

Rave Party, Bernini: “La norma non si applicherà alle manifestazioni di dissenso in università”

Non si placano le polemiche attorno al decreto legge contro i rave party approvato dal Consiglio dei ministri negli scorsi giorni. A difendere la norma, il ministro dell'università e della ricerca del governo Meloni Anna Maria Bernini, che ha voluto specificare come la norma non verrà applicata all'interno di scuole e università.

"Il decreto legge si può modificare"

"Io da ministro dell’università ribadisco che norma non si applicherà a manifestazioni di dissenso nelle università o nelle scuole.  Può essere modificata? Si, è un decreto legge" ha spiegato Bernini.

Il ministro ha poi difeso la norma: "E' una proposta che considero largamente condivisibile, in quanto l’ho votata".

 

"L'illegalità non si può tollerare"

"E’ doveroso garantire la libertà di manifestazione e riunione, non l’illegalità. Quello che è illecito va contrastato. Qual è la linea di demarcazione? Non è evanescente. A un comportamento illecito, abusivo e illegale deve corrispondere una sanzione" ha concluso Bernini.

Andrea Parisotto

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium