/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 29 novembre 2022, 17:40

Economia: il Piemonte frena, ma fa meglio del pre Covid. I costi però costringono le aziende a produrre di meno

I dati Unioncamere sul terzo trimestre 2022 restano positivi, ma lo slancio dei mesi scorsi è ridimensionato. Caro energia e materie prime costringono gli imprenditori a inventarsi qualcosa

Economia: il Piemonte frena, ma fa meglio del pre Covid. I costi però costringono le aziende a produrre di meno

Frenata secca, per l'economia piemontese e per quella torinese. Non scompare il segno "più",  ma rispetto al passato recente la crescita è decisamente più fiacca: il terzo trimestre - secondo i dati Unioncamere - porta la produzione a crescere dell'1,7%. Gli ordini segnano +1,6, mentre all'estero le cose vanno ancora un po' meglio (+5,1%). Regge il fatturato, che grazie alle performance dei mesi scorsi aumenta del 10,5% e addirittura del 17,7% per l'export.

Il grado di utilizzo degli impianti sta poco sotto il 70%. Ma complessivamente il Piemonte ha fatto peggio della Lombardia, mentre il Veneto ci sta alle spalle per export e fatturato totale.

Luci e ombre

"Ci sono ombre - dice Paolo Bertolino, segretario generale di Unioncamere -, ma non mancano le luci come indica una produzione comunque superiore al 2018 e quindi al pre pandemia. E confidiamo che dal pnrr arrivi nuova linfa vitale, anche per le piccole realtà".

A trainare è soprattutto il Tessile (+7,2%), ma va bene anche il comparto dell'elettricità ed elettronica (+3,8%). A zavorrare Torino, però (+1,7), sono i mezzi di trasporto: calano del 3% e se le auto crescono di oltre 5 punti, altrettanto non si può dire dell'aerospazio, che cala di quasi 20 punti anche a causa della sua notevole ciclicità. Proprio i mezzi di trasporto garantiscono fatturato in salita (anche all'estero) anche per Torino: +16,7 e +26,2 oltre confine.

La speranza che in futuro possa di nuovo sbloccarsi qualcosa è legata a doppio filo agli ordinativi, soprattutto dall'estero, dove Torino segna un +7,7%.

La zavorra dei costi

Ma intanto i costi e le difficoltà di trovare materiale prima si fanno sentire. Oltre un'azienda su quattro (28%) ha dovuto ridurre la produzione per far quadrare i conti. Si tratta di una scelta fatta soprattutto da aziende che operano nei settori dei mezzi di trasporto, legno e mobile, chimica, plastica e alimentare, con quote superiori al 30%. 

Una riduzione che in 77 casi su 100 ha pesato per il 20%. Ma quasi un'azienda su 5 ha ridotto fino al 50% la produzione. Chi non l'ha ancora fatto, in un caso su tre pensa di poter resistere ancora almeno fino a fine anno.

Tra le soluzioni messe in campo per combattere la difficoltà a trovare materie prime c'è un cambio dei mercati di acquisto (35% circa), ma altrettanti per ora non hanno fatto nulla. C'è però chi prova a cercare vicino a casa: sono il 24,2%.

Circa il 60% non ha fatto nulla per ridurre i costi dal lato produzione, mentre il 15% ha ridotto i giorni di lavoro settimanali. Oppure hanno organizzato l'attività in fasce orarie meno costose (9,3%) come il fine settimana o la notte. Wolo il 2,4% ha proceduto con la rilocalizzazione (il cosiddetto reshoring, ovvero riportare a casa pezzi di produzione): un processo che il Covid sembrava aver stimolato, ma che i costi hanno di nuovo smorzato. Oltre il 70% non ha agito sul costo del lavoro, mentre un 14% ha chiesto di smaltire ferie e permessi.

Aumentare i prezzi, tagliare le accise 

Il 67,2% ha aumentato i prezzi, mentre il 13% ha investito nelle rinnovabili. Quasi un'azienda su quattro di quelle che investono sta però lavorando all'efficientamento energetico. Il 35,7% punta sul fotovoltaico aziendale, mentre le pompe di calore pesano per meno di un quinto.

Tra le domande che si fanno alla politica, soprattutto il taglio delle accise (82%), ma anche il supporto negli investimenti (42,6%) e il rafforzamento di una filiera territoriale (30%).

"Lo scenario però sta cambiando - conclude Bertolino - e dopo lo shock iniziale ora sta passando il concetto di dover investire e pianificare in maniera più lungimirante".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium