/ Attualità

Attualità | 21 gennaio 2023, 15:58

Il futuro della raccolta del caffè si immagina a Torino: i progetti degli studenti IED in mostra alla Nuvola Lavazza [FOTO]

L'iniziativa “A new era of coffee harvesting”, in collaborazione con CNH Industrial, ha coinvolto gli iscritti al Master in Transportation Design in una sfida alla soluzione più avveniristica

mostra caffè alla nuvola lavazza

i progetti degli studenti IED in mostra alla Nuvola Lavazza

Torino come punto di incontro ideale e reale di 3 eccellenze nel campo del design, della tecnologia e dell'industria alimentare, tutte al servizio di un'unica, grande prelibatezza: il caffè. Un progetto virtuoso in grado di valorizzare la creatività di giovani menti internazionali e metterle in relazione con quelle già sviluppate della grande imprenditoria: è questo il vero valore aggiunto di “A new era of coffee harvesting”.

Una mostra alla Nuvola Lavazza

L'iniziativa ha visto impegnati gli studenti del Master in Transportation Design dello IED di Torino nella progettazione di idee innovative, e volutamente futuristiche e avveniristiche, per la raccolta del caffè. Le soluzioni, riportate e rappresentate visivamente su carta e raccontate attraverso appositi pannelli, si sono trasformate in un'interessante mostra inaugurata venerdì pomeriggio alla Nuova Lavazza di via Bologna: “L'obiettivo principale – ha spiegato il designer manager di Lavazza Group Florian Seidl – è sempre quello di migliorare la raccolta del caffè offrendo un prodotto di qualità sempre maggiore garantendo contemporaneamente sostenibilità e sostentamento alle piccole comunità: è stato bello vedere come ogni studente, influenzato dal proprio background, abbia immaginato questo processo dopo averci visitato e compreso chi siamo e cosa facciamo”.

Il supporto di CNH Industrial

Il tutto è avvenuto con il supporto e il know how di CNH Industrial, il gruppo che gestisce alcuni tra i più noti marchi di macchine per l'agricoltura tra cui New Holland: “Siamo davvero contenti - ha commentato l'Interior and Exterior Chief Designer Guido Bianco – di aver preso parte a un'iniziativa che permette a ragazzi provenienti da diverse parti del mondo, supportati dai migliori professionisti del territorio, di progettare il futuro della raccolta del caffè: questo celebra ancora una volta Torino come capitale internazionale del design, conociuta ovunque grazie a nomi come Giugiaro e Pininfarina”.

L'apporto dello IED

A oliare la sinergia è stato lo l'Istituto Europeo di Design: “Siamo orgogliosi - ha sottolineato il Coordinatore dell’Area Transportation Design Michele Albera – di rappresentare un luogo dove eccellenze territoriali come Lavazza e CNH possano incontrarsi, discutere e costruire il futuro lontani da politiche aziendali ma solamente per il piacere della ricerca e dell'innovazione credendo nelle nuove generazioni. I risultati raggiunti sono ottimi e gli studenti hanno avuto la possibilità di confrontarsi sulle proprie differenze culturali, economiche, geografiche e ambientali”.

Il progetto vincitore: la “Tazzina”

Il progetto risultato vincitore è stato la “Tazzina”, ideato da Yung-Chun Hsu (Taiwan), Siddhant Sanjeev Aggarwal (India) e Antonio Mazza (Italia): “Si tratta - ha raccontato il primo – di un macchinario per la raccolta del caffè ispirato al design di una tazzina per l'espresso, piccolo e compatto per permettere spostamenti più facili tra le piante: grazie alla seduta posta nella parte superiore è possibile raggiungere i rami più alti, mentre le bacche cadono direttamente nel contenitore incorporato grazie a un apposito strumento portatile dotato di vibrazione. All'interno dello stesso contenitore, estraibile e per questo facilmente trasportabile anche attraverso droni, avviene la selezione tra le bacche rosse, adatte alla trasformazione, e quelle verdi da scartare, con queste ultime che diventano materiale compostabile e riciclabile”.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium