/ Attualità

Attualità | 30 gennaio 2023, 16:42

Torino annulla multe e tasse non pagate fino al 2006 sotto i mille euro

Per le casse comunali la manovra ha un costo economico di 525mila euro

foto di archivio

Torino annulla multe e tasse non pagate fino al 2006 sotto i mille euro

Anche Torino annullerà le mini-cartelle esattoriali sotto i mille euro. Però solo quelle emesse tra il duemila e il 2006, e non fino al 31 dicembre 2015 come previsto da Roma. Ad annunciare la novità l'assessore al Bilancio Gabriella Nardelli, rispondendo alla richiesta di comunicazioni in Consiglio Comunale.

In base alla norma finanziaria varata dal governo Meloni, entro fine gennaio gli enti locali dovevano decidere se aderire o meno alla "pace fiscale". 

Cancellati 525mila euro di multe e interessi 

Palazzo Civico ha deciso di sì, però solo per le multe e tasse non pagate fino al 2006, quelle cioè che in capo alle Agenzie delle Entrate. Dopo tale anno il concessionario della riscossione è diventato Soris, a cui non si applica la misura decisa dall'esecutivo nazionale. Il valore economico di questo mini-stralcio per le casse comunali, come ha precisato Nardelli, è piuttosto basso: "gli uffici hanno calcolato che la somma da annullare è di 525mila euro, contro un importo da riscuotere di 5 milioni e 400mila euro: si tratta del 9.7%".

Per quanto riguarda le tasse comunali non pagate (Cosap e Tari), è prevista la cancellazione degli interessi e della sanzione. Per le multe da violazioni al codice della strada, verranno annullati solo gli interessi.

Dal 2000 al 2015 ben 205 mln di multe non pagate 

Soddisfatta del parziale stralcio la consigliera di FdI Paola Ambrogio, che aveva presentato una mozione sul tema lo scorso 22 gennaio. "Questo - sottolinea l'esponente della minoranza - è sicuramente un segnale distensivo nei confronti dei cittadini, consentendo di dare respiro ai contribuenti torinesi che versano in condizioni finanziarie complesse”. Per il consigliere di Forza Italia Domenico Garcea si tratta di una "misura di buon senso".

"La crisi economica determinata da oltre due anni di pandemia - ha aggiunto l'esponente azzurro - ha pesato su famiglie ed imprese, riducendo sensibilmente la loro capacità di far fronte agli obblighi fiscali". Nel capoluogo piemontese il valore delle sanzioni non pagate al Comune dal 2000 al 2015 ammonta a 205 milioni di euro. Una cifra in cui sono inclusi sia la multa o le imposte non saldate, ma anche gli interessi maturati.

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium