/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 01 marzo 2023, 17:32

"Donne, Scienza e Lavoro", una mostra all'Urp del Consiglio regionale

La mostra fotografica presenta i profili di numerose scienziate che hanno arricchito la nostra società. Fino al 31 marzo

"Donne, Scienza e Lavoro", una mostra all'Urp del Consiglio regionale

Nell'ambito delle iniziative sostenute dal Consiglio regionale per la Festa della Donna, è stata inaugurata all'Urp in via Arsenale 14/G la mostra fotografica "Donne, Scienza e Lavoro" che rimarrà esposta nelle vetrine fino al 31 marzo. 

Il consigliere segretario Gianluca Gavazza ha portato il saluto istituzionale del Consiglio regionale insieme al consigliere segretario Ivano Martinetti: "Troppo spesso ancora oggi le ragazze si sentono dire 'non sarai mai brava abbastanza come un uomo', barriere culturali che bisogna abbattere raccontando come le donne, nel corso della storia e in innumerevoli ambiti, abbiano lasciato il segno".

Anche Anna Mantini, Consigliera di Parità della Regione Piemonte, ha sottolineato come spesso le ragazze non si indirizzano verso le materie STEM (Science Technology Engineering Mathematics): "Le donne non sono meno intelligenti degli uomini, ma spesso si sottovalutano ed hanno poca fiducia in sè stesse. Osservare in questa mostra le vicende di donne che hanno fatto la storia delle scienza ed hanno raggiunto alti traguardi può essere da stimolo per le ragazze e può servire a superare stereotipi e pregiudizi".

Giovanna Cristina Gado, referente dell'associazione Toponomastica femminile, ha messo in risalto la necessità di "intitolare alle donne che hanno contribuito a migliorare la società strade e luoghi delle nostre città, per offrire alle giovani generazioni che non le hanno conosciuto esempi concreti a cui ispirarsi, per migliorare la propria autostima e mirare ad alti obiettivi nella loro vita professionale. Oggi soltanto il 5% delle vie sono intitolate alle donne".

Ornella Toselli, presidente della Consulta femminile regionale, ha voluto citare le molte donne che sono state importanti nella storia della nostra città: "Nei libri di storia solo ultimamente compaiono figure di donne. Ma oggi alle donne sono intitolate pochissime strade: alla pinerolese Lidia Poët prima avvocata donna in Italia, è stata dedicata soltanto un'area gioco in un giardino. A Frida Malan, donna della Resistenza e consigliera comunale a Torino negli anni '60, artefice della chiusura del manicomio di via Giulio, nulla finora è stato dedicato. I nomi delle strade sono importanti per tramandare la memoria di chi ha migliorato la nostra società". 

La mostra fotografica "Donne, Scienza e Lavoro", promossa dal Consiglio regionale del Piemonte e dalla Consulta femminile regionale, realizzata dall'associazione Toponomastica femminile in collaborazione con la Consigliera di Parità della Regione Piemonte, rimarrà esposta al pubblico nelle vetrine dell'URP di via Arsenale 14/G fino al 31 marzo 2023.

A margine dell'inaugurazione, l'associazione Toponomastica femminile ha consegnato ai Consiglieri segretari la targa 'Amico della associazione Toponomastica femminile 2023'.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium