ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 15 marzo 2023, 13:09

I falegnami del Pinerolese e delle Valli si ritrovano a tavola

Da 13 anni non festeggiavano più San Giuseppe

I falegnami del Pinerolese e delle Valli si ritrovano a tavola

Dopo 13 anni i falegnami del Pinerolese e delle Valli Chisone e Germanasca si ritrovano per festeggiare il loro patrono.

Le loro storie rappresentano tradizioni di famiglia dentro a un mondo che sta cambiando. L’appuntamento è per domenica 19 marzo, festa di San Giuseppe, alle 12,30 al ristorante ‘Chiabriera’ nell’omonima borgata di Pomaretto (prenotazioni al numero Whatsapp di Alberto Tron: 366 5373951).

Una tradizione lanciata da ‘Cesarino’

“La tradizione era cominciata con ‘Cesarino’, Cesare Reymondo di Villar Perosa, una sorta di istituzione per tutto noi falegnami della zona – ricorda Gino Tron della falegnameria ‘Tron Gino &C.’ di Pinasca –. Cesarino era un grande lavoratore, che aveva anche tanta voglia di fare festa in compagnia, ed era lui a darci l’input di organizzare. È scomparso il 2 febbraio 2011, e da allora non avevamo più organizzato nulla”.

“Io però avevo dei bellissimi ricordi di quando ero piccolo, di queste occasioni – interviene Alberto, figlio di Gino, oggi anche lui falegname –, così quest’anno, parlando con un collega dell’Alta Val Chisone, Sergio Brunet, coetaneo di mio padre, ho spronato tutti a riorganizzare, dopo tredici anni”.

Falegnameria ed ecosostenibilità

Oggi non sono molti i giovani ad intraprendere il lavoro di falegname, e fra i pochi giovani quasi tutti portano avanti la tradizione di famiglia. Eppure sembra essere un mestiere proiettato verso il futuro: “Il legno è il materiale ecosostenibile per eccellenza, nonché molto duraturo, ci sono mobili che si tramandano per svariate generazioni, ed è sempre possibile, attraverso il lavoro di un artigiano falegname, andarli a modificare all’occorrenza” si fanno eco padre e figlio Tron.

Gino, 59 anni, ha cominciato a lavorare nel 1987: “Negli anni purtroppo è diminuito il potere d’acquisto delle persone, e sono cambiati anche un po’ i gusti e le priorità: ora nella grande distribuzione si trovano mobili che certamente poco hanno a che vedere con un mobile di legno che un falegname può costruire su misura, ma indubbiamente costano molto meno – spiega –. Almeno considerando il momento dell’acquisto, perché se poi si pensa alla durata di una vita intera, ed ancora volendo per figli e nipoti, e l’opportunità di apportare modifiche... Ma in tal senso è cambiato proprio un po’ il modo di pensare. Comunque anche il nostro lavoro si è evoluto con la tecnologia, ed oggi il nostro fiore all’occhiello sono gli infissi, con eccellenti prestazioni in termini di isolamento termico: un altro punto in favore di un mondo più ecosostenibile”.

Alberto, 27 anni il prossimo 18 agosto, racconta così il suo ingresso ‘attivo’ nel mondo della falegnameria: “Ero un ragazzino, i miei mi avevano regalato il ‘cinquantino’, ma se volevo metterci la miscela dovevo guadagnarmela, lavorando in laboratorio – sorride a quel ricordo –. Come tutti i mestieri per continuare a vivere deve evolversi, ma un buon falegname non può prescindere dalla conoscenza delle tecniche di una volta, e, prima di tutto, è importante conoscere il legno”.

Il futuro del mestiere

Alberto è un po’ preoccupato vedendo i pochi coetanei che portano avanti il mestiere, e concorda col papà il rischio che una massiccia industrializzazione possa far perdere l’artigianato: “L’artigianato e l’unicità che ne consegue: la mano di ogni singolo artigiano è diversa, ogni creazione può essere unica”. Ed in questa unicità, anche i canali di vendita tendono ad essere quelli tradizionali: “Abbiamo anche un profilo social, ma principalmente i nostri clienti arrivano tramite il passaparola, e poi la clientela tende a fidelizzarsi”.

Unicità e tradizione sono ciò che sta continuando a salvare il mestiere, come conferma Brunet della falegnameria Brunet di Pragelato “Noi siamo piccoli artigiani di montagna, già mio papà svolgeva questo mestiere. Qua è una zona di seconde case, fra l’Alta Val Chisone e l’Alta Val Susa, e noi che sappiamo ‘curare’ queste case con realizzazioni su misura, siamo preziosi; in montagna forse anche di più. Il nostro mestiere non morirà mai”. Ma anche lui si unisce ad una preoccupazione: “L’unico problema, è trovare manodopera. Mio figlio sta frequentando una scuola di falegnameria a Châtillon, in Valle d’Aosta, e mi auguro che dal prossimo anno possa lavorare con me”.

Il legno, prima di entrare nelle case sotto forma di mobili, infissi, o altro genere di creazioni artigianali artistiche, passa dalle mani dei falegnami, ma prima ancora c’è chi taglia gli alberi, i tronchi, e c’è il passaggio della segheria: “Una passione di famiglia che mi è stata tramandata, benché con un salto generazionale: mio nonno ce l’aveva, mio papà, invece, ha fatto l’elettricista, ma la passione ce l’aveva anche lui – spiega Mattia Breuza, 32 anni –. Io ho aperto la mia piccola segheria artigianale a conduzione familiare, con sede a Salza di Pinerolo”.

Tatiana Micaela Truffa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium