ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 19 marzo 2023, 10:34

“Test genetici, sì o no?” 7 torinesi su 10 non ne hanno mai fatto uno

Secondo un’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute e Nomisma, la diffusione è ancora scarsa, ma è cresciuto l’interesse

test genetici - foto di archivio

“Test genetici, sì o no?” 7 torinesi su 10 non ne hanno mai fatto uno

La consapevolezza dell’utilità dei test genetici a livello nazionale è ormai radicata. Per quanto riguarda il torinese, però, la loro diffusione è ancora scarsa. E’ quanto è emerso dall’ultima indagine svolta dall’Osservatorio Sanità di Unisalute in collaborazione con Nomisma.

Quasi 7 persone su 10 vogliono saperne di più

Negli ultimi anni, però, è cresciuto l’interesse per questo genere di esami, che permette di avere informazioni sul proprio patrimonio genetico - ossia l’insieme dei geni di un organismo vivente - e sulla predisposizione a contrarre specifiche patologie.

Del campione intervistato, il 69% dichiara di non esservisi mai sottoposto, ma vuole saperne di più. Alla maggioranza di questi (85%), i medici ne hanno già consigliato l’esecuzione, mentre il 72% ha scelto di farli a causa della presenza di malattie ereditarie in famiglia.

Tanti coloro che non si sono mai sottoposti a test

La fetta mediana degli intervistati ha dichiarato di non essersi mai sottoposta a test genetici. Tra questi, il 60% ha paura di sapere se è predisposto a patologie, mentre il 41% nega la presenza di patologie ereditarie nella propria famiglia.

Infine, dell’8% che ha dichiarato di averli eseguiti o di stare per farlo, la motivazione maggiore (52%) è la prevenzione, mentre quella minore (48%) risulta essere la presenza di malattie ereditarie in famiglia.

L'importanza di un corretto regime alimentare

L’indagine ha poi chiesto agli intervistati se, a loro parere, il patrimonio genetico sia un fattore determinante per la salute di una persona: la risposta è affermativa nel 41% dei casi. Per la maggioranza degli intervistati (42%), invece, il fattore determinante è il regime alimentare seguito, mentre invece il 36% ritiene maggiormente responsabili i comportamenti a rischio quali abuso di fumo ed alcolici.

Federica De Castro

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium