/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 24 aprile 2023, 07:00

Il premier ucraino in America a chiedere gli aerei, ma Washington dice di no

Il timore di un’escalation con conseguenze devastanti trattiene ancora i vertici di Washington dal soddisfare le richieste più spinte del governo di Kiev.

Il premier ucraino in America a chiedere gli aerei, ma Washington dice di no

Il timore di un’escalation con conseguenze devastanti trattiene ancora i vertici di Washington dal soddisfare le richieste più spinte del governo di Kiev. Qualche giorno fa il primo ministro ucraino Denys Shmyhal ha fatto un giro diplomatico fra Canada e Stati Uniti. Ha incontrato, fra gli altri, il premier canadese Justin Trudeau e il segretario alla Difesa USA Lloyd J. Austin, ai quali ha nuovamente espresso i desideri dell’Ucraina nel conflitto contro la Russia. Come riferisce il sito Strumenti Politici, la disponibilità manifestata dai politici nordamericani non è andata oltre le ormai consuete forniture di fucili, munizioni, sistemi di difesa aerea e finanziamenti. Ma a Kiev non basta più: vogliono i caccia da combattimento, soprattutto i jet americani F-15 ed F-16. La dozzina di MiG-29 prontamente concessi da Polonia e Slovacchia non ha per nulla accontentato gli ucraini, che forse preferirebbero trascinare in una guerra aperta tutta l’Alleanza Atlantica pur di avere le armi che chiedono. A Washington non vogliono ammetterlo, perciò spiegano il loro diniego con ragioni tecniche. In primo luogo, l’addestramento dei piloti ucraini durerebbe almeno 18 mesi, come emerso da recenti test. Chiaramente è troppo tempo, così al Ministro della Difesa ucraino è venuta in mente un’idea ancor più nefesta: invitare esplicitamente piloti stranieri a guidare gli F-16. Si tratterebbe probabilmente di professionisti americani o di altri Paesi NATO, dunque sarebbe un passo deciso verso la guerra mondiale. In secondo luogo, gli aerei americani avrebbero poca utilità in questa fase del conflitto, dove i russi hanno la supremazia dello spazio aereo, come sottolineato dallo stesso segretario alla Difesa Austin. Ma la ragione principale per cui gli USA dicono di no è che per fortuna non sono ancora disposti a rischiare la guerra totale a favore del governo di Zelensky.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium