ELEZIONI REGIONALI
 / Sanità

Sanità | 22 maggio 2023, 12:22

AslTo3 – Collegno: attiva la COT, Centrale Territoriale Operativa. E' la quarta nella zona

Le strutture precedenti si trovano a Pinerolo, Venaria e Avigliana. Si tratta di un passo previsto nel Pnrr

Infermieri al lavoro

Attivato il Cot anche a Collegno dopo Pinerolo, Venaria e Avigliana

Come previsto dal Pnrr, Piano nazionale di ripresa e resilienza, lunedì 15 maggio è stata attivata anche la COT, centrale operativa territoriale, di Collegno. È una nova tappa raggiunta nella riorganizzazione dei servizi sociosanitari del territorio, previsto dal Piano. 

Si tratta, come noto, di un progetto a medio-lungo termine che dovrebbe attuare la riorganizzazione entro il 2026, in osservanza dell’indicazione della Comunità europea, con lo scopo di facilitare e garantire la presa in carico dei cittadini con problemi di fragilità sociosanitaria che la pandemia da Covid19 ha reso ancora più evidenti. 

La COT di Collegno è la quarta realizzata sul territorio dell’Asl, in linea con i tempi previsti dalla fase di sperimentazione regionale che coinvolge la nostra azienda. Le precedenti sono state: Pinerolo (1° novembre 2022, seconda in regione Pimonte dopo la COT di Asl Città di Torino), Venaria (29 dicembre 2022) e Avigliana (11 aprile 2023). 

La nuova Centrale è riferimento per il distretto Area Metropolitana Centro, di cui fanno parte i comuni Collegno, Grugliasco, Rivoli, Rosta e Villarbasse e si trova presso l’attuale sede del Distretto a Villa Rosa in Via Torino 1, Collegno.  

Per le richieste di presa in carico territoriale e di continuità assistenziale dei residenti nei comuni afferenti alla COT indicata devono essere inviati alla mail: 

cot.areametropolitanacentro@aslto3.piemonte.it 

Cos’è la COT, Centrale Operativa territoriale 

Si tratta di una struttura organizzativa che deve coordinare i servizi del territorio, assicurando una stretta sinergia fra rete di emergenza-urgenza, l’ospedale e i servizi territoriali e domiciliari. 

Non è un servizio aperto direttamente ai cittadini, ma è il cuore della riorganizzazione della sanità territoriale prevista dal Pnrr, Piano nazionale di ripresa e resilienza, che prevede anche la creazione di case di Comunità e Ospedali di Comunità. 

Il personale. La centrale è coordinata dagli infermieri e al suo interno lavorano anche medici, personale amministrativo, assistenti sociali dell’Asl in stretta integrazione con le assistenti sociali degli Enti Gestori. 

Obiettivo. Scopo dell’attività della centrale operativa è assicurare accessibilità, continuità e integrazione della cura e dell’assistenza attraverso il raccordo delle funzioni clinico-assistenziali, fra cui i servizi rivolti a: persone ricoverate in CAVS/Ospedali di Comunità presenti sul territorio che necessitano di un percorso di dimissione anticipata e assistita al domicilio o in un’altra struttura; persone vulnerabili e con bisogni complessi, che necessitano di una presa in carico integrata non solo di tipo sanitario ma anche sociale (anziani soli, persone con criticità abitative, ecc); persone affette da patologie croniche, attraverso la presa in carico della cronicità tramite interventi di “medicina di iniziativa”, cioè tramite la segnalazione del caso da parte del personale sanitario; monitoraggio dell’evoluzione della malattia e attraverso azioni di prevenzione della salute. 

Dettagli dell’attività. La Centrale monitora e garantisce la tracciabilità dei percorsi e la trasparenza dei processi, facilita la comunicazione tra i diversi setting assistenziali attivando i percorsi appropriati in sinergia con tutte le figure professionali e servizi coinvolti. Inoltre, mette in atto e sviluppa percorsi di telemonitoraggio e teleconsulto, promuove percorsi di salute, di prevenzione e di educazione sanitaria (ad es. nell’ambito dell’alimentazione, dell’attività fisica, gruppi di cammino, ecc.) in sinergia con i Dipartimenti Aziendali, i Presidi Ospedalieri dell’ASL, le Strutture Sanitarie Intermedie (Hospice, CAVS, RSA, ecc.) i Servizi Sociali, le Associazioni di Volontariato. 

Il modello innovativo della COT è nazionale, ma è stato riadattato alla realtà piemontese dalla Direzione Sanità e Welfare della Regione Piemonte, insieme ad AGENAS ed alle Aziende Sanitarie ASL TO3, ASL NO, ASL CN2 ed ASL Città di Torino, tramite un progetto di ricerca per la definizione e implementazione di un modello sperimentale in coerenza con il riordino della rete territoriale del Piemonte. 

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium