/ Politica

Politica | 18 settembre 2023, 17:23

Barriere architettoniche, Catanzaro e Ciampolini chiedono “100mila euro subito per Torino”

I consiglieri di centrosinistra hanno presentato una mozione per invitare la Giunta ad accelerare sul Peba per l'accessibilità della città: “Serve un gruppo interassessorile”

foto conferenza

Barriere architettoniche, Catanzaro e Ciampolini chiedono “100mila euro subito per Torino”

Un'accelerata decisa sul tema dell'accessibilità a Torino: è questa la richiesta di Angelo Catanzaro (Partito Democratico) e Tiziana Ciampolini (Torino Domani) sul Peba, il Piano per l'Eliminazione delle Barriere Architettoniche. I due consiglieri comunali di centrosinistra hanno presentato oggi una proposta di mozione a riguardo.

La mozione

La mozione, che con uno sguardo più ampio include anche le barriere sensoriali e intellettive, ha natura non solo economica ma guarda anche alla sinergia a più livelli: “Chiediamo - ha spiegato Catanzaro – che vengano stanziati 100mila euro entro la fine dell'anno come soglia minima per partire con la redazione del Piano, per poi inserire altre somme nei prossimi bilanci. Inoltre, chiediamo che ci sia una programmazione con il Politecnico di Torino per sostenere gli uffici, così come l'apertura di un gruppo interassessorile; i primi risultati devono arrivare entro la fine di questa consiliatura”.

I tempi

Un'altra istanza riguarda i tempi, che devono essere certi: “In altre città – ha sottolineato Ciampolini – per arrivare al Peba ci vanno almeno 4 o 5 anni: noi vogliamo accorciare tempi e distanze dai cittadini attraverso un vero e proprio piano per l'accessibilità a 360°. Dopo aver aperto il capitolo di spesa con i primi 100mila euro, vorremmo arrivare al Piano entro il 2025 con un investimento totale di 300mila euro”.

La collaborazione con il Politecnico

A garantire il giusto supporto sarà anche il Politecnico di Torino: “Se si vogliono accorciare i tempi e rendere efficiente il Piano - ha commentato il rettore Guido Saracco – serve una programmazione sistemica: noi lo faremo all'interno dell'accordo quadro siglato con la città attraverso la digitalizzazione, per seguire la terza missione delle università ovvero l'impatto sociale”.

Il supporto della Giunta

Anche la Giunta ha espresso il proprio sostegno: “Vista - ha dichiarato l'assessora Chiara Foglietta – la sensibilità generale del consiglio sul tema della disabilità, agiremo sotto il cappello dell'accordo quadro siglato con il Politecnico: ricordo come, grazie anche ad altri progetti come le piste ciclabili, è possibile abbattere le barriere architettoniche”. “L'accessibilità - ha aggiunto Francesco Tresso – può essere vissuta in modo diverso a seconda del quartiere: faremo attenzione, quindi, a declinarla secondo criteri di prossimità”.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium