/ Attualità

Attualità | 20 settembre 2023, 15:28

La sostenibilità tra gli obiettivi delle Universiadi invernali di Torino 2025

Nel Salone d’onore del Castello del Valentino il primo incontro promosso dal Comitato organizzatore, in occasione della Giornata Internazionale dello Sport Universitario

foto conferenza 20-9

La sostenibilità tra gli obiettivi delle Universiadi invernali di Torino 2025

Going sustainable, diventare sostenibili. Nel Salone d’onore del Castello del Valentino si è tenuto il primo incontro programmatico promosso dal Comitato organizzatore dei Giochi Mondiali Universitari invernali di Torino 2025, in occasione della Giornata Internazionale dello Sport Universitario.  

L’evento, organizzato sotto forma di tavola rotonda, ha permesso a tutti i relatori di aprire il primo capitolo di un vero e proprio dibattito, che si è posto come obiettivo di organizzare una rassegna all’insegna della sostenibilità sotto tutti i punti di vista: economico, ambientale e sociale. I quattro atenei piemontesi (Università di Torino, Politecnico di Torino, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e Università del Piemonte Orientale), con i loro delegati, hanno sottolineato come Torino 2025 possa essere il momento di visibilità di una nuova idea di sostenibilità a 360°: una visione condivisa anche dal rappresentante degli studenti del Politecnico di Torino, Gioele Giachino. 

Nell’occasione, è stata sottoscritta anche la lettera d’intenti tra il Comitato organizzatore di Torino 2025 RUS Piemonte, la Rete delle Università piemontesi per lo Sviluppo sostenibile, base per avviare una stretta collaborazione per il monitoraggio e la misurazione della sostenibilità dei Giochi di Torino 2025

La ricca giornata di eventi proseguirà alle 19 con l’accensione del nuovo countdown alla Torre Maratona (accanto allo Stadio Olimpico Grande Torino). Poi, alle 19.30 con la proiezione del logo dei FISU Games sulla Mole Antonelliana e, in contemporanea, si terrà la grande festa di chiusura di Casa TO2025 al Palavela, ad ingresso gratuito e con la possibilità di pattinare per tutti i partecipanti. 

Questi, invece, gli interventi delle istituzioni coinvolte questa mattina al Castello del Valentino: 

Alessandro Ciro Sciretti (Presidente del Comitato Organizzatore dei Giochi di Torino 2025): «Questa giornata è l’occasione per promuovere tutti i valori dello sport universitario, che l’attività fisica, insieme all’alta formazione, porta con sé. Abbiamo deciso di lanciare il nostro programma di sostenibilità di Torino 2025 perché i grandi eventi sportivi prevedono lo spostamento di persone, impegno di risorse, in cui l’attenzione alla sostenibilità diventa cruciale per il bene del pianeta. Sostenibilità non soltanto ambientale, ma anche economica e sociale, seguendo gli obiettivi dell’agenda 2030, con il supporto dei nostri stakeholders».   

Guido Saracco (Rettore del Politecnico di Torino e padrone di casa dell’incontro): «Le competenze del Politecnico di Torino sono  a disposizione per realizzare un’Universiade sostenibile, una sfida che vogliamo vincere tutti insieme nei prossimi anni. In parallelo, sosteniamo il progetto BRAINstorm, con queste sfide all’innovazione, mirate a trovare la soluzione alle grandi sfide dell’umanità».  

Patrizia Lombardi (Presidente Rete Nazionale RUS): «Dobbiamo valorizzare il territorio, ma soprattutto utilizzare le strutture esistenti, questo è il modello ed è questo che dobbiamo fare e in questo la nostra Rete delle Università Sostenibili vuole essere di supporto al Comitato organizzatore dei Giochi di Torino 2025». 

Christian Monzani (Direttore Marketing FISU): «Sono felice che Torino sia il kick off di questo programma di sostenibilità e questo può essere un grande punto di partenza per gli eventi che terremo negli anni a venire, seguendo tutta l’esperienza che abbiamo raccolto in quelli precedenti e, in particolare, pensando al messaggio lanciato lo scorso gennaio da Lake Placid, ovvero “Save the winter”, salviamo l’inverno». 

Stefania Crotta (Direttore Ambiente, Energia e Territorio della Regione Piemonte): «Il nostro approccio allo sviluppo sostenibile è territorializzato e riferito alle dimensioni non solo ambientale, ma anche sociale ed economica. Tutti i target di Regione Piemonte sono stati coordinati con quelli di sostenibilità dell’Agenda 2030 e siamo disponibili per lavorare al fianco del Comitato organizzatore dei Giochi».  

Chiara Foglietta (Assessore Transizione Ecologica e Digitale e Politiche per l’Ambiente della Città di Torino): « La Città di Torino è fortemente impegnata nel raggiungimento della neutralità climatica e tra le azioni c’è una forte attenzione anche alla realizzazione di eventi sostenibili. L’organizzazione di eventi sostenibili non solo riduce l’impatto ambientale, ma può creare vantaggi finanziari quali risparmio energetico, riduzione degli sprechi, acquisti di prodotti locali, e creando un’immagine positiva». 

Chiara Rossetti (Sindaco di Bardonecchia): «Inclusione, sostenibilità, cultura, ambiente, coinvolgimento delle diverse fasce della popolazione, fin dai primi anni scolastici, nelle attività del Comune e del territorio. Sono questi cardini, quasi parole d'ordine per noi, e sono principi che ben si coniugano con il progetto dei Giochi Mondiali Universitari del 2025. Come Amministrazione, da qualche anno abbiamo aderito alla Rete dei Comuni Sostenibili ed il nostro impegno è massimo per coinvolgere sul tema della sostenibilità i ragazzi delle scuole». 

Luca Salvai (Sindaco di Pinerolo): «Il futuro sostenibile di un territorio dipende dai semi che vengono piantati nel presente. E il terreno più fertile per farli germogliare è quello delle scuole. Per questo la Città di Pinerolo ha accolto con interesse il progetto FISU dedicato agli studenti che, con la collaborazione di alcuni artisti e l'utilizzo di materiali di recupero, mira a creare vere e proprie opere ispirate al countdown di Torino 2025». 

Giorgio Merlo (Sindaco di Pragelato): «Le risorse stanziate per il comune di Pragelato devono avere un obiettivo specifico, evitando che vengano erette cattedrali nel deserto. L’obiettivo è dare una pianificazione sostenibile in vista dei Giochi, che crei un lascito sul territorio. Su questo evento internazionale dev’essere fatta un’alfabetizzazione popolare, per far sì che la cittadinanza condivida gli obiettivi di questa manifestazione e compatti il nostro territorio». 

Marco Cogno (Sindaco di Torre Pellice): «Nonostante siamo un piccolo comune, portiamo avanti gli sforzi legati all’ecosostenibilità. Abbiamo appena inaugurato un asilo nido a zero impatto ambientale, per far crescere i nostri bambini e bambine all’interno di un edificio che già dal punto di vista strutturale possa dargli l’idea di un futuro ecosostenibile. Anche sul palazzetto del ghiaccio abbiamo inserito i pannelli fotovoltaici e per noi la sostenibilità è uno dei cardini su cui ci basiamo». 

Francesca Marsaglia (ex sciatrice con 225 partenze in Coppa del Mondo di sci alpino e due partecipazioni olimpiche): «Da quando ho 14 anni ho capito che lo sci alpino era la mia vita e fino allo scorso inverno ho passato 10 mesi su 12 in giro per le piste innevate di tutto il mondo. Rispetto a quando ho mosso i primi passi in Coppa del Mondo, la situazione climatica è drasticamente cambiata e finalmente anche gli atleti si sono accorti che devono fare qualcosa in prima persona. Sono originaria di Roma, ma sono stata adottata dal Piemonte, spero che Torino 2025 possa essere una bella finestra per le nostre valli e per tutta la regione».

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium