/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 12 novembre 2023, 08:53

Carmen Consoli madrina di Almese contro la violenza

Domenica 19 novembre la cantante sarà all'inaugurazione al parco Robinson

Carmen Consoli madrina di Almese contro la violenza

Una mano gigante, somma delle mani di tutte e di tutti, che ha bucato il muro d’acciaio della violenza: questo il concept dell’opera artistica Almese contro la violenza che sarà inaugurata domenica 19 novembre dalle 15 alle 16.30 al Parco Robinson di Almese.

L’inaugurazione vedrà la partecipazione dell’artista Carmen Consoli, che sarà madrina della manifestazione e parte attiva dell’opera, con una sagoma della sua mano presente nell’installazione insieme a quella di tante altre mani unite in un'unica battaglia.

Un progetto di Artemixia, APS che fa parte del Coordinamento contro la violenza sulle donne presso la Città di Torino, Insieme contro la violenza e Rosso Indelebile, con il patrocinio del Comune di Almese, della Regione Piemonte, del Consiglio Regionale Piemonte e il contributo dell’8x1000 della Chiesa Valdese. Il progetto vede inoltre la collaborazione di enti attivi sul territorio valsusino come l'Associazione Revejo con Book Immersion, la Consulta Giovanile di Almese, il Ricetto per l'Arte - Agorà della Valsusa, la compagnia teatrale Fabula Rasa, e la vicinanza al progetto analogo del Parco Commerciale Dora.

Obiettivo dell’opera è incidere sull’aspetto culturale che sottende all’origine del fenomeno della violenza domestica e di genere, esplicitando la presa di posizione da parte di una comunità nella responsabilità tanto individuale quanto collettiva nell’agire. Per questo la mano spunterà dal terreno del parco per protendersi come un enorme “Stop alla violenza”. Una mano, però, che è anche aperta per accogliere e cogliere la mano di chi si sente sola e ingabbiata all’interno della spirale dei maltrattamenti.

Realizzata in acciaio corten, l’opera misura 2700x1400 cm e pesa circa 550 kg. L'installazione, ideata concettualmente e progettata dall’artivista Rosalba Castelli e dalla videoartist Anna Olmo, realizzata con la perizia del fabbro Denis Valarin, ha richiesto circa sei mesi di lavoro. Si tratta del proseguimento di un progetto iniziato nel 2021 con la posa della prima installazione dal titolo Insieme contro la violenza nella piazza esterna di Parco Commerciale Dora a Torino.

 

La realizzazione dell’opera si inserisce nel progetto Rosso Indelebile all’interno delle azioni di formazione, informazione e sensibilizzazione per il contrasto alla violenza di genere promosse da Artemixia in tutto il territorio torinese. Nell’intenzione delle artiste, anche questa installazione, come la precedente, si configura come “un’opera di tutte e di tutti”. Si leggeranno infatti, alla base della targa dell’installazione, i nomi di tutte le persone che hanno voluto contribuire alla sua realizzazione aderendo, anche con piccole cifre, alla campagna di crowdfunding Eppela mentorship Fondazione Sviluppo e Crescita CRT.

In caso di pioggia l'evento si terrà al teatro Magnetto di Almese.


comunicato stampa

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium