/ Politica

Politica | 08 febbraio 2024, 13:53

Smog, Bertola: "Torino seconda città più inquinata d'Italia. Servono misure radicali"

L'appello del consigliere regionale di Europa Verde: "Governo e Regione non ostacolino il cambiamento"

Smog, Bertola: "Torino seconda città più inquinata d'Italia. Servono misure radicali"

Sessantasei giorni di sforamento dei limiti sulle micropolveri nel 2023. Torino si conferma una delle città più inquinate d’Italia (seconda a Frosinone) per quanto riguarda le PM10 e le PM 2.5. Lo rivela il report di Legambiente "Mal Aria di città 2024", redatto nell'ambito della Clean Cities Campaign.
 
"Solo in Italia si stimano 47.000 decessi prematuri all’anno a causa del particolato sottile. Nonostante l’urgenza drammatica continuiamo ad assistere ad atteggiamenti filo-negazionisti in particolare da parte degli esponenti dei partiti di destra e a registrare ritardi ingiustificati nel promuovere soluzioni strutturali e trasversali", spiega Giorgio Bertola, Consigliere regionale Europa Verde Piemonte.

"Sono necessari cambiamenti radicali perché la tutela della salute non conosce i colori dei partiti: occorre ripensare immediatamente la mobilità urbana, implementare zone a zero emissioni, investire molto di più nel trasporto pubblico locale e nelle infrastrutture per la mobilità sostenibile. Ora ci auguriamo che a fronte di questa ennesima evidenza scientifica, Governo italiano e Giunta regionali non ostacolino ulteriormente questo percorso, facendo leva su deroghe su misura delle lobby per giustificare ritardi nel raggiungimento di un obiettivo molto più importante che è la salute e il benessere di tutti".

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium