/ Cronaca

Cronaca | 10 maggio 2019, 12:52

Infermieri in presidio a Torino: "Serve più personale, situazione non più tollerabile"

A due giorni dalla giornata internazionale a loro dedicata, questa mattina infermieri in piazza Castello su iniziativa del Nursing Up

Infermieri in presidio a Torino: "Serve più personale, situazione non più tollerabile"

A due giorni dalla giornata internazionale a loro dedicata, questa mattina presidio degli infermieri in piazza Castello a Torino. 

Un appuntamento organizzato dal Nursing Up, che ha allestito un gazebo informativo con possibilità di misurare la pressione e la glicemia, per informare "della condizione lavorativa non più tollerabile di infermieri e i professionisti sanitari". Nel 2011 ha preso il via piano di rientro della sanità piemontese, per colmare la pesante situazione di deficit finanziario, che ha portato allo stop della assunzioni. Nel 2015 c'è stato un parziale sblocco, ogni due infermieri in pensione ne veniva assunto uno, con la situazione normalizzata solo nel 2017.

"Nel 2004 - spiega il segretario regionale del Nursing Up Claudio Delli Carri - eravamo 56 mila, scesi fino a 52 mila nel 2014. Ora siamo a 54 mila, ma la risalita è troppo lenta". Accanto quindi alla mancanza di personale, il sindacato denuncia anche un demansionamento. Infermieri cioè obbligati a svolgere incarichi che non gli competono, come rifare i letti vuoti o portare le provette in laboratorio, che li sottraggono dal compito "di prendersi cura a 360° gradi del cittadino".

"Noi chiediamo ai politici - spiega Delli Carri - una riorganizzazione del sistema sanitario regionale, che preveda l'aumento di tetto di spesa del personale, insieme all'assunzione di altri Oss".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium