/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 04 luglio 2019, 15:27

Samsung Innovation Camp: presentati i project work finalisti e i vincitori dell’Università degli Studi di Torino

Seconda edizione per la manifestazione, la prima per l'ateneo piemontese. Hanno partecipato 385 studenti e neolaureati

Samsung Innovation Camp: presentati i project work finalisti e i vincitori dell’Università degli Studi di Torino

Si è tenuta oggi, presso la sede dell’Università degli Studi di Torino, la cerimonia di chiusura della seconda edizione di Samsung Innovation Camp, la prima per l’ateneo piemontese, con la premiazione dei gruppi che hanno presentato i migliori project work alle due realtà aziendali coinvolte nel progetto di Innovation Camp, Prima Industrie e Samsung Customer Service Center di Torino

L’iniziativa, sviluppata da Samsung Electronics Italia in collaborazione con Randstad, è nata con l’idea di accompagnare gli studenti di una rete di università pubbliche italiane in un percorso formativo sull’innovazione, per trasformare il futuro in presente e accompagnare i ragazzi alla scoperta di nuovi scenari professionali.

Per la fase finale di Innovation Camp in Piemonte, sono stati selezionati i due migliori progetti, scelti tra i 385 studenti studenti e neo-laureati partecipanti nella sola Università di Torino, e analizzati sulla base della qualità della proposta che hanno sviluppato in risposta ai business case commissionati da Prima Industrie e il Samsung Customer Service Center di Torino, le due eccellenze locali che hanno aderito in questi mesi all’iniziativa in collaborazione con l’Università.  

Il gruppo vincitore per il Project Work di Prima Industrie è stato quello de “I Collegnesi”. Per incentivare le visite al sito internet e la presenza online dell’azienda hanno sviluppato una campagna di advertising con rimandi diretti al sito, potenziando anche le applicazioni di Google Maps della pagina. Il gruppo vincitore per il Project Work del Samsung Customer Service Center di Torino è stato quello de “Le 5 Forze di Porter”, che ha proposto un’idea volta a migliorare il servizio clienti, l’esperienza all’interno dei Samsung Customer Service e l’identità del marchio. Le soluzioni proposte dagli studenti sono molteplici e vanno dall’inserimento di un gestore di chiamata che evita lunghi tempi d’attesa telefonici da parte del cliente, all’uso di bot per la risoluzione di semplici problemi d’assistenza. Gli studenti hanno anche definito una strategia social, prevedendo di creare un profilo Facebook come touchpoint per comunicare con i clienti ma anche per raccogliere dati e feedback degli utenti al fine di migliorare il servizio.

Alla cerimonia hanno partecipato Stefano Bresciani, Full Professor of Innovation Management dell’Università degli Studi di Torino, Anastasia Buda, Corporate Citizenship Manager di Samsung Electronics Italia, oltre a Umberto Sibelli, Marketing & Communication Manager e Francesca Lombardo, Talent Acquisition & Development per Prima Industrie.

In tutta Italia, sono stati oltre 10.000 gli studenti registrati alla piattaforma di Samsung Innovation Camp, con un buon equilibrio tra ragazzi (46%) e ragazze (54%), a dimostrazione di un interesse per le discipline legate ai lavori digitali paritetico tra uomini e donne. Oltre agli studenti in corso, hanno partecipato con entusiasmo anche molti neolaureati, che hanno raggiunto il 25% degli iscritti totali.

“Da oltre 26 anni Samsung si impegna per lo sviluppo del digitale e la diffusione della cultura dell’innovazione in Italia. E, in qualità di digital enabler, cerchiamo di offrire ai più giovani utili strumenti e competenze per affrontare al meglio il mondo del lavoro, sempre più permeato dalla tecnologia. Grazie all’alto livello di partecipazione alla seconda edizione di Samsung Innovation Camp, che stiamo riscontrando da parte degli studenti universitari in tutta Italia, comprendiamo che ci stiamo muovendo nella giusta direzione, e che siamo stati in grado di costruire, insieme a nostri partner, un solido ecosistema formativo in ambito digitale, che aiuterà i ragazzi a diventare professionisti ancora più qualificati e competitivi”, commenta Mario Levratto, head of marketing & external relations di Samsung Electronics Italia.  

“Siamo particolarmente orgogliosi di aver collaborato al Samsung Innovation Camp perché riconosciamo in questo progetto molti punti di contatto con Prima Industrie. La centralità dell’innovazione e della cultura digitale, la valorizzazione delle competenze complementari e trasversali e del lavoro di squadra sono alla base di ogni attività del nostro gruppo, che produce infatti differenti tecnologie accomunate dall’essere high tech e Industry 4.0 e che unisce aziende e persone distribuite in tutto il mondo in un eccezionale lavoro di team quotidiano. Per noi la contaminazione fra i giovani talenti forgiati nelle eccellenze accademiche italiane e il solido know how tecnologico raccolto in oltre 40 anni di esperienza nel settore, è un ingrediente importante per la nostra crescita. Ringraziamo Samsung e Randstad per averci coinvolti in questo dinamico progetto”, commenta Umberto Sibelli, Marketing & Communication Manager di Prima Industrie.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium