/ Eventi

Eventi | 09 ottobre 2019, 15:13

“Seduzione e ironia, così ogni donna si racconta sul palco”: all’Amazing Flamingo Cabaret&Burlesque Torino Festival

Organizzato dalla performer Vanille Bon Bon, sarà ospitato dall’11 al 13 ottobre al teatro Q77, con artiste italiane e internazionali

“Seduzione e ironia, così ogni donna si racconta sul palco”: all’Amazing Flamingo Cabaret&Burlesque Torino Festival

Un viaggio onirico e fiabesco nella sensualità più frizzante, circondati da fenicotteri rosa, palloncini, strass e corsetti. Torna dall’11 al 13 ottobre “Amazing Flamingo” Cabaret&Burlesque Torino Festival, organizzato e prodotto dalla performer Vanille Bon Bon (Federica Benna) negli spazi del Q77 (corso Brescia 77). Tre giorni di esibizioni immersi in un’atmosfera d’altri tempi, dove la seduzione e l’ironia dominano la scena grazie a un ventaglio di stili, richiami e culture differenti, dal sapore internazionale.

L’evento è strutturato per accogliere, a ogni serata, un parterre eterogeneo di artiste e drag queen dall’Italia e dall’estero, creando uno spettacolo variopinto ad altissimo tasso di “teasing”, l’arte dell’ammiccamento scherzoso e provocante tra performer e pubblico.

Si comincia venerdì sera con il contest tra newcomers per il titolo di “Madamina”. A condurre le danze, il comico Gianpiero Perone con la madrina Bianca Nevius, star del burlesque dalla carriera ultradecennale, tra Italia e Spagna, acclamatissima per aver ridato freschezza e vitalità allo strip tease di stampo americano, in voga nei club di Las Vegas negli anni ‘50. Saranno tredici le artiste a esibirsi, con Dirty Martini come special guest e una headliner d’eccezione formata da Aleksei Von Wosylius e Mara De Nudée. La serata di sabato sarà dedicata all’elezione della futura “Madama”, con undici performer professioniste che si alterneranno sul palcoscenico, mentre la domenica si esibiranno in uno show non competitivo altre dodici proposte che stanno compiendo un percorso formativo nel burlesque e vogliono mettersi alla prova nelle dinamiche del festival.

Dopo dieci anni di palchi, la partecipazione a numerosi festival in tutto il mondo e diversi sold out nei teatri – racconta Vanille, donna mamma e lavoratrice, ancora prima che performer –, nel 2018 ho deciso di realizzare il mio grande sogno nel cassetto, creando una kermesse tutta mia. Ho sempre avuto l’indole per l’organizzazione di eventi; prima di me pochi, a Torino, avevano avuto il coraggio di lanciare un’iniziativa simile, e , in generale, ci sono poche proposte nel nord Italia”.

Nella mia vita – continua –, il burlesque mi ha dato tanto, ed è giusto restituire qualcosa con un festival che possa farlo avvicinare realmente a ogni tipo di spettatore. Voglio soprattutto dimostrare che non si tratta di un mediocre spogliarello, ma è un’arte nobile e antichissima, con una storia e un’evoluzione specifica, capace di riunire in una performance tantissime discipline differenti, dalla danza al teatro, dal cabaret alla satira”.

Una donna, quando si spoglia, non dev’essere per forza volgare, anzi. Spesso ha tantissimo da comunicare, proprio attraverso il divertissement, il gioco di sguardi, le pose, l’autoironia. Tante di noi sono donne adulte, con un percorso complesso di vita alle spalle, e di certo non hanno interesse a mostrare una nudità fini a se stessa. Ma desiderano tirare fuori la grinta, l’energia e la forza per lanciarsi sopra un palco ed esibirsi senza costrizioni, annullando tutti quei preconcetti moralisti fin troppo radicati nella nostra società”.

Quello che mi preme molto, anche per questa seconda edizione – conclude Vanille –, è dare una chance concreta a tutte le performer che non sono ancora al primo livello, ma hanno possibilità di diventare newcomers confrontandosi con artiste di fama internazionale, imparando i trucchi del mestiere e mettendosi in gioco in un vero teatro. Io iniziai oltre dieci anni fa partecipando a un festival di burlesque ad Amsterdam, nell’ultima giornata riservata appunto alle nuove proposte. Allora qualcuno credette in me, e da lì non mi sono più fermata”.

I biglietti per il Cabaret&Burlesque Torino Festival possono essere acquistati direttamente al botteghino del Q77 oppure on line su www.liveticket.it, o scrivendo a: info@cabaretburlesquetorinofestival.it. Ogni sera, dalle 19.30, sarà possibile gustare un apericena con dj set a cura di anu Manuche, solo su prenotazione.

Per maggiori dettagli: www.cabaretburlesquetorinofestival.it 

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium