/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 12 luglio 2019, 06:28

Edward O. Thorp, da Vegas a Wall Street...

La straordinaria storia di Edward O. Thorp, genio del baro o del blackjack, commerciante e matematico, l'uomo che una volta sfidò il casinò

Edward O. Thorp, da Vegas a Wall Street...

Thorp ha sperimentato fin da piccolo. All'età di 11 anni ha cercato di volare via usando grandi palloni gonfiati con elio. Più tardi cercò di fabbricare il suo esplosivo che gli fece bruciare la mano. Ben presto divenne uno dei più giovani del paese a superare un test di competenza sulla teoria della radio e sul codice Morse. Thorp spiega nel suo libro che ha iniziato la sua vita da bambino curioso e indipendente. 

Furono la curiosità e la volontà di Thorp di imparare da solo, unite a un potente intelletto, che sarebbero poi servite come base per il suo incredibile successo.

È nato nel 1932 a Chicago, nel profondo della Grande Depressione, da un padre che lavorava a lungo per mantenere la famiglia e da una madre che si dedicava alla cura di un fratello minore che da piccolo aveva sviluppato una polmonite e che era quasi morto. "Mi ha lasciato molto più solo e io ho risposto esplorando gli infiniti mondi, reali e immaginari, che si trovano nei libri che mio padre mi ha dato", ha scritto. Sono state la curiosità e la volontà di Thorp di imparare da solo, unite a un potente intelletto, a costituire in seguito la base del suo incredibile successo sia a Las Vegas che a Wall Street. "Mi sono abituato a pensare con la mia testa", ha detto. "Se qualcuno faceva una dichiarazione, la controllavo, la provavo per vedere se era vera o falsa. »

"Sono andato a Las Vegas nel 1958 per vedere se potevo costruire un computer che potesse battere il gioco della roulette".

L'amore di Thorp per le scienze lo ha portato a studiare matematica e fisica all'università, finanziando in parte la sua formazione con una borsa di studio che ha ricevuto dopo aver ottenuto il voto più alto dello stato della California in un esame di fisica. 

Ma anche se Thorp ha continuato a conseguire un dottorato di ricerca in matematica e un master in fisica, è stato il gioco ad attirare la sua attenzione e a catapultarlo per primo sotto i riflettori. "Sono andato a Las Vegas nel 1958 per vedere se potevo costruire un computer in grado di battere il gioco della roulette", dice. Mentre era lì, ha giocato anche a blackjack, o 21, usando una strategia che aveva imparato che aumentava le probabilità di vincita contro il casinò.

Battere il concessionario

"Mi sono reso conto che chi giocava a blackjack e gestiva il gioco non lo capiva". Così, come insegnante all'UCLA, Thorp passava il suo tempo libero a leggere le strategie del blackjack. "Ho iniziato a leggere molto materiale e ho capito quasi subito che si può avere un vantaggio sul casinò e su come farlo.

Thorp ha sviluppato e perfezionato la sua strategia nei prossimi anni con un computer mainframe IBM. Usando questo, ha sviluppato un sistema per il conteggio delle carte, con grande sgomento dei proprietari del casinò. Nel 1962 ha svelato la sua strategia nel suo libro Beat the Dealer.

"Carl Cohen, socio dirigente di The Sands, è entrato con una gigantesca guardia di sicurezza e ci ha detto di andarcene.

Thorp torna poi a Las Vegas e inizia un affascinante gioco del gatto e del topo con i casinò. Indossa travestimenti, impiega connazionali per combattere gli sforzi dei casinò per barare, e spesso salta da un casinò all'altro. 

"Ero seduto a un tavolo di baccarat e mi è stato offerto un caffè con panna e zucchero. Avevo chiesto un caffè le due sere precedenti, ma non me l'hanno portato, offrendomi invece bevande alcoliche. Ho bevuto il caffè e subito dopo le mie pupille si sono dilatate e non riuscivo più a contare le carte.

La nostra ultima notte, dopo aver vinto 500-600 dollari ciascuna delle notti precedenti, siamo andati in un altro casinò, The Sands, dove ho fissato il tasso di vincita a 1.000 dollari l'ora perché sapevo che non mi avrebbero lasciato vincere molto a lungo. Dopo due ore e mezza, Carl Cohen, partner manager di The Sands, è entrato con una gigantesca guardia di sicurezza e ci ha detto di andarcene".

Da Las Vegas a Wall Street: Il più grande casinò della terra

Di ritorno da Las Vegas, Edward Thorp passa dal gioco d'azzardo all'investimento.

Due cose hanno spinto Thorp a concentrarsi su Wall Street. La prima è che aveva iniziato a investire le sue vincite al gioco d'azzardo e le royalties in azioni. Il secondo è che si è reso conto di non essere molto bravo. Questo lo portò a chiedersi se i suoi metodi di battere il gioco d'azzardo gli avrebbero dato un vantaggio simile sul mercato azionario.

Il gioco d'azzardo e l'investimento condividono una serie di caratteristiche chiave a suo parere. Per avere successo in entrambi, è necessario misurare le probabilità di risultato e poi variare la dimensione delle scommesse in base a tali probabilità. Se scommetti troppo quando le probabilità sono contro di te, stai esaurendo i tuoi soldi. Ma se scommettete troppo poco quando le probabilità sono a vostro favore, allora lascerete i soldi sul tavolo. E' lo stesso modo in cui ha vinto al blackjack, scommettendo pesantemente quando le carte rimanenti nel mazzo lo favoriscono rispetto al mazziere, ma con leggerezza quando le probabilità erano il contrario.

Dopo aver letto decine di libri e periodici sull'investimento, Thorp ha sviluppato una strategia quantitativa per la copertura dei mandati dopo aver scoperto che il loro prezzo era regolarmente sbagliato. Ha poi sviluppato un metodo per stimare i prezzi dei derivati in modo più accurato.

"Ho iniziato ad usarlo per conto mio e degli investitori nel 1967", scrive. 

Sei anni dopo, nel 1973, Fischer Black e Myron Scholes, motivati in parte dal libro di Thorp Beat the Market, utilizzarono la sua formula e il lavoro di altri matematici per creare il modello Black-Scholes ancora oggi utilizzato in finanza.

L'hedge fund di Thorp, Princeton Newport Partners, ha ottenuto un tasso di rendimento medio annuo del 19,1% in due decenni. Thorp ha anche investito in Berkshire Hathaway, effettuando il suo primo acquisto nel 1983 a 982,50 dollari per azione e continuando ad accumulare azioni in seguito. Da allora, queste azioni valgono 246.340 dollari ciascuna.

In una vita di esperienze accademiche e di mercato, Thorp ha avuto il dono di essere all'epicentro di molte delle più importanti tendenze ed eventi finanziari dell'ultimo mezzo secolo.

Richy Garino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium