/ Cronaca

Cronaca | 16 gennaio 2020, 18:36

Neonato morto al Maria Vittoria, il gip chiude il caso: "la dottoressa non commise errori"

Il tribunale ha archiviato la denuncia fatta dai genitori del piccolo morto nel febbraio 2019

Neonato morto al Maria Vittoria, il gip chiude il caso: "la dottoressa non commise errori"

Il 2 febbraio 2019 il piccolo Giacinto, un neonato di poco più di venti giorni, morì a Torino all'ospedale Maria Vittoria, dove era stato portato in ambulanza: 54 ore prima era stato rimandato a casa dal pronto soccorso con una diagnosi di rinite e l'invito ai genitori di usare l'aerosol.

La denuncia di papà e mamma, che aveva portato all'iscrizione nel registro degli indagati di una dottoressa per il reato di omicidio colposo, è stata definitivamente archiviata dal tribunale: il gip Francesca Christillin non ha ravvisato responsabilità. Secondo il giudice, che si è pronunciata sulla base di alcune consulenze tecniche, la dottoressa - che visitò Giacinto il 31 gennaio - non commise errori: diagnosi e indicazioni terapeutiche, dati gli elementi clinici di quel momento, furono giuste.

Il gip ha anche aggiunto che neppure controlli medici svolti nelle ore successive "avrebbero potuto evitare l'esito infausto" di una malattia che ebbe un'evoluzione "particolarmente rapida e grave".

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium