/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 05 agosto 2020, 10:22

San Pietro in Vincoli, per la riapertura del parcheggio bisognerà aspettare almeno fino a settembre

Il piazzale è chiuso dallo spostamento definitivo del Libero Scambio in Via Carcano. Il presidente della Circoscrizione 7 Deri: “Il dialogo con la Città è in corso, presto una Commissione ad hoc”

San Pietro in Vincoli, per la riapertura del parcheggio bisognerà aspettare almeno fino a settembre

Bisognerà aspettare almeno fino a settembre per avere novità sul parcheggio di San Pietro in Vincoli. L'area è infatti chiusa con barriere Jersey dal 4 ottobre 2019, data dello spostamento definitivo del Mercato del Libero Scambio all'ex magazzino comunale delle pietre di Via Carcano.

Ad annunciarlo, durante uno degli ultimi Consigli, è stato il presidente della Circoscrizione 7 Luca Deri: “Togliendo quelle barriere – ha spiegato - si rischia un ritorno al passato, non vorremmo ritrovarci improvvisamente con una nuova situazione di abusivismo. Le possibili soluzioni e gli interessi in ballo sono tanti: al momento stiamo portando avanti un dialogo con la Città e alcune organizzazioni del territorio tra cui Cottolengo, Sermig e le associazioni Cortile del Maglio e Commercianti Balon. A settembre ne discuteremo in una Commissione ad hoc in cui affronteremo anche il tema di Borgo Dora camminabile.”

Favorevole a rompere gli indugi è la capo-gruppo di Fratelli d'Italia Patrizia Alessi, prima firmataria di un'interpellanza alla sindaca (non approvata) per chiedere delucidazioni sul tema: “Dopo dieci mesi - ha commentato – la Città avrebbe già dovuto capire cosa fare: tenere un parcheggio blindato per tutto questo tempo è fuori luogo, quale progettazione pensano di mettere in atto per la zona?”

In linea con la posizione del presidente sono invece gli esponenti del Movimento 5 Stelle e dei Moderati: “Ci sono voluti diversi anni - ha affermato il capo-gruppo dei primi Davide Lantermino - per risolvere un problema grave come quello dell'abusivismo, non è possibile fare una sperimentazione senza progetti strutturati.” “Prima di riaprire - ha aggiunto Giuseppe Lamendola dei secondi – si deve creare qualcosa di valido: per non ritornare al punto di partenza vanno bene le barriere”.

Marco Berton

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium