/ Politica

Politica | 06 agosto 2020, 17:08

Emergenza abitativa, Schellino: “Atc assegnerà 40 alloggi al mese a partire dall'autunno”

La vice-sindaca ha annunciato in Commissione Pari Opportunità la “promessa” dell'ente. Presto in Consiglio Comunale un ordine del giorno sul tema presentato da Elide Tisi (Pd)

Emergenza abitativa, Schellino: “Atc assegnerà 40 alloggi al mese a partire dall'autunno”

Atc incrementerà le assegnazioni di case popolari, ferme a 48 unità da inizio 2020, entro l'autunno: ad annunciarlo, durante una Commissione Pari Opportunità andata in scena questa mattina, è stata la vice-sindaca e assessora al welfare della Città di Torino Sonia Schellino. L'ente che gestisce l'edilizia residenziale pubblica ha infatti “promesso” 40 nuove unità al mese, che in prospettiva significano 480 case all'anno. Per quanto riguarda i dati, l'ultimo bando generale ha raccolto 6791(in crescita di oltre 2mila unità rispetto al 2018) domande con 724 idonei.

Schellino ha poi colto l'occasione per fare il punto della situazione sulla situazione generale: “Le sinergie - ha spiegato – tra pubblico e terzo settore hanno portato a moltissime iniziative di accompagnamento all'abitare per diverse tipologie di utenza come famiglie sfrattate, persone con disabilità, adulti in difficoltà e molti altri: tra queste ci sono 2400 progetti abitativi temporanei oltre a percorsi di autonomia, condomini solidali, social housing e alloggi messi a disposizione da famiglie e associazioni.”

A breve passerà in Consiglio Comunale anche un ordine del giorno sul tema presentato da Elide Tisi (Pd): “L'emergenza abitativa - ha dichiarato – è diretta conseguenza di un tessuto socio-economico gravemente provato dalla crisi finanziaria del 2009 e ulteriormente danneggiato dalla crisi sanitaria attuale. La curva degli sfratti è di nuovo in salita e a questo proposito occorre individuare interventi strutturati per far fronte a una situazione che rischia di peggiorare ulteriormente.”

Tra le richiesta presentate da Tisi, figurano l'ulteriore riduzione dell'Imu per i canoni concordati, l'istituzione di un fondo per chi ha avuto difficoltà nel pagare l'affitto durante la pandemia, la creazione di un tavolo specifico per concordare le azioni da intraprendere, il rafforzamento della rete delle residenze temporanee e il consolidamento degli uffici comunali responsabili per le politiche sulla casa.

Marco Berton

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium