/ Cronaca

Cronaca | 09 dicembre 2020, 17:35

Quasi 5 mila persone controllate e 10 indagati: il bilancio dei controlli della Polizia nelle stazioni e sui treni del Piemonte

Nel periodo dal 30 novembre all'8 dicembre

Quasi 5 mila persone controllate e 10 indagati: il bilancio dei controlli della Polizia nelle stazioni e sui treni del Piemonte

10 indagati, 4.886 persone controllate. 265 pattuglie impegnate nelle stazioni e 13 in abiti civili per attività antiborseggio per contrastare i furti in danno dei viaggiatori. 48 i servizi di vigilanza a bordo treno per un totale di 128 treni scortati. 25 i servizi lungo linea e 70 quelli di ordine pubblico. Questi i risultati dell’attività settimanale del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta. 

Congiuntamente ai servizi disposti dal Questore di Torino, il Compartimento Polizia Ferroviaria ha intensificato i controlli presso le stazioni di competenza anche in concomitanza con il ponte festivo  dell’Immacolata. In particolare nei principali scali cittadini di Porta Nuova e Porta Susa gli operatori hanno effettuato mirati e capillari controlli ai viaggiatori e nelle aree ferroviarie di competenza, con l’ausilio di Unità cinofile messe a disposizione dalla locale Questura. Sono stati potenziati inoltre i controlli ai treni internazionali viaggianti sulle linee ferroviarie della regione Piemonte, con particolare attenzione ai treni TGV provenienti dalla Francia e ai convogli che entrano nel territorio nazionale dalla Svizzera, con fermata presso la stazione di Domodossola (VB).    

A Torino gli operatori Polfer della stazione di Porta Nuova hanno rintracciato un italiano di 31 anni destinatario di un divieto di ritorno nel comune di Torino per un periodo di tre anni, emesso dal Questore di Torino lo scorso mese di marzo. L’uomo è stato denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per la violazione della misura di prevenzione personale.

Nella tarda serata di martedì 1° Dicembre un anziano signore italiano si è recato presso la Polfer dello scalo cittadino, perché avendo smarrito le chiavi, non riusciva a far rientro nella propria abitazione, nelle adiacenze della stazione. Gli Agenti, dopo aver contattato i Vigili del Fuoco, hanno accompagnato l’anziano nei pressi dell’abitazione dove ha potuto far rientro con l’ausilio dei Vigili intervenuti.

Ad Alessandria gli operatori Polfer hanno denunciato un ventunenne ghanese per interruzione di pubblico servizio e oltraggio a Pubblico Ufficiale. Il giovane che viaggiava a bordo di un treno regionale nella tratta Alessandria –Savona, sprovvisto di titolo di viaggio ha, ripetutamente, insultato con atteggiamento aggressivo il personale ferroviario all’atto della controlleria. Il ragazzo è stato denunciato anche per interruzione di pubblico servizio in quanto il treno maturava un ritardo di 7 minuti.

A Novi Ligure (AL) il personale Polfer ha denunciato un quarantatreenne tunisino e un trentaseienne senegalese entrambi inottemperanti all’Ordine del Questore di abbandonare il territorio nazionale, rispettivamente emessi dal Questore di Bergamo e Torino.

Sempre a Novi Ligure gli agenti hanno denunciato un trentaquattrenne italiano per truffa e minaccia ai danni di un cittadino straniero, residente in Alessandria. L’uomo ha raccontato di aver anticipato la somma di 45 euro a un italiano, di cui ha fornito dettagliata descrizione, con la promessa di un appartamento in affitto di cui non ha mai avuto la disponibilità. Lo straniero ha denunciato l’accaduto e il falso affittuario lo ha raggiunto e minacciato. Il personale Polfer  ha identificato il trentaquatrenne e lo ha denunciato all’Autorità Giudiziaria.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium