/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 01 aprile 2021, 18:58

Sfm5, Iaria: “Il Comune si è mosso per tempo: approviamo un progetto edilizio, non solo una variante urbanistica”

L’assessore all’Urbanistica spegne sul nascere le polemiche degli ultimi giorni, ma avverte: “Oltre alla stazione San Paolo, da rivedere anche la zona circostante quella de le Gru”

area della nuova stazione ferroviaria

Sfm5, Iaria: “Il Comune si è mosso per tempo: approviamo un progetto edilizio, non solo una variante urbanistica”

Non si placano le polemiche intorno alla futura linea Sfm5. Dopo il botta e risposta tra Antonino Iaria e Stefano Lo Russo e l’intervento del capogruppo Pd in Regione Raffaele Gallo, è di nuovo l’assessore all’Urbanistica del Comune di Torino a introdurre un nuovo capitolo di quella che rischia di diventare una querelle infinita.

"Falso che il Comune fosse in ritardo sull'approvazione della variante urbanistica"

Ci è stato detto che il Comune sarebbe in ritardo sull'approvazione della variante urbanistica per il Sfm5 e che, addirittura, ci siamo accorti adesso che andava fatta una variante. E' assolutamente falso. E' un percorso che abbiamo iniziato nei tempi e che va avanti celermente" ha spiegato Iaria, difendendo l’operato del Comune di Torino. L’assessore inoltre ha ricordato come la delibera di Giunta con la modifica del piano regolatore attesa in aula entro fine maggio non sarà un semplice atto burocratico, anzi: “Non approviamo solo una variante urbanistica, ma un più complesso progetto edilizio”.

Fari puntati anche sulla stazione Borgata Quaglia-Le Gru

Se fino ad oggi le attenzioni si erano catalizzate solo ed esclusivamente sulla stazione San Paolo, che aveva ricevuto il via libera da parte della Regione previa modifica del piano regolatore, l’assessore ha voluto puntare i riflettori anche sull’altra stazione del progetto: la stazione Borgata Quaglia - Le Gru: “Servirà una variante urbanistica anche in questo caso, visto che attualmente la zona di Grugliasco è collegata a Torino, precisamente al quartiere Pozzo Strada, solo da un semplice sottopasso”. La ferrovia, infatti, alla perfezione due aree tanto vicine quanto mal collegate.

Obiettivo fine 2024

Abbiamo richiesto vari pareri, soprattutto per il consumo di suolo. Una volta ottenuti, saremo pronti ad avanzare verso la fase successiva” ha promesso Iaria. Di fatto, il Comune di Torino farà di tutto per accertarsi che le prescrizioni vengano recite da Rfi, che dovrà poi realizzare il progetto.  L’obiettivo? Quello di rendere operativa la Sfm5 entro fine 2024, come da ultimo cronoprogramma.

Molto dipenderà dal prossimo step: l’approvazione della delibera con variazione del piano regolatore.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium