/ Cronaca

Cronaca | 07 aprile 2021, 09:19

A Torino in vendita farmaci cinesi contro il Covid "illegali": denunciato un 50enne

I medicinali, in commercio in un negozio di alimentari, erano privi dell'autorizzazione dell'A.I.F.A. e dell'E.M.A.

I medicinali, in commercio in un negozio di alimentari, erano privi dell'autorizzazione dell'A.I.F.A. e dell'E.M.A.

I medicinali, in commercio in un negozio di alimentari, erano privi dell'autorizzazione dell'A.I.F.A. e dell'E.M.A.

Farmaci cinesi per la cura anche del Covid-19 venduti a Torino senza autorizzazione dell’A.I.F.A. e dell’E.M.A. I Carabinieri del N.A.S, in collaborazione con i colleghi toscani, hanno sequestrato circa 6.200 medicinali immessi sul mercato senza il via libera delle due organizzazioni sanitarie.

Sequestrati 6.200 confezioni di medicinali

Le indagini sono iniziate lo scorso gennaio, dopo il ritrovamento nel capoluogo di alcune decine di confezioni di farmaci cinesi sugli scaffali di un negozio alimentari. Gli accertamenti hanno condotto i militari ad una società di rivendita all’ingrosso, con più sedi tra Prato e la provincia di Firenze, di proprietà di un 50enne cinese. Le indagini hanno consentito il rinvenimento di quasi 6.200 confezioni di farmaci con etichettatura completamente in lingua cinese: il titolare è stato quindi denunciato con l'accusa di aver messo in vendita in Italia prodotti senza l'autorizzazione delle autorità competenti.

Farmaci anche per la cura del Covid-19: guadagno stimato di 60mila euro

La tipologia di farmaci rinvenuti, principalmente confezionati in bustine, era destinata quasi esclusivamente al mercato etnico ed è ritenuta efficace per il contrasto di diverse patologie mediche, tra le quali anche il COVID-19. Complessivamente i prodotti sequestrati avrebbero permesso di guadagnare oltre 60 mila euro, rappresentando inoltre un potenziale rischio per la salute determinato dall’assunzione di prodotti senza autorizzazioni.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium