/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 15 aprile 2021, 12:47

Torino diventa un campus universitario diffuso: 2300 posti studio in 18 spazi della città

Investimento da 188 mila euro. Le aree avranno il wifi gratuito e prese di corrente: in alcuni previsti punti di ristoro

Le aree avranno il wifi gratuito e prese di corrente: in alcuni previsti punti di ristoro

Le aree avranno il wifi gratuito e prese di corrente: in alcuni previsti punti di ristoro

Torino crea un campus diffuso, unico in Italia, con 2.300 posti studio in 18 spazi distribuiti in tutte le Circoscrizioni. Un’iniziativa nata dall’intesa tra Città, Edisu Piemonte, Politecnico Torino ed Università, con un investimento di 188 mila euro.

Un progetto che nasce nel 2019, con la firma di un primo protocollo tra tutti gli attori, che hanno deciso sviluppare l’iniziativa. Nel 2020 poi il Comune ha avviato una grande mappatura dei luoghi già in convenzione. Gli spazi sono stati selezionati sui flussi, le esigenze e la distribuzione territoriale delle sedi universitarie: a seguire i luoghi sono stati scelti e approvati dalle rappresentanze studentesche.

Tutte le aree avranno il wifi: previsti anche alcuni punti di ristoro

I 2300 posti - divisi tra spazi interni, tensostrutture riscaldate ed esterni - rispettano tutte le normative Covid. Le aree saranno dotate di postazioni con wi-fi gratuito e prese corrente: alcune avranno poi punti ristoro accessibili nel rispetto delle normative vigenti. Un nuovo logo renderà riconoscibili i luoghi identificati dal progetto Campus Diffuso.

"Torino città universitaria è realtà"

"Una grande dimostrazione – ha commentato l’assessore alle Politiche Marco Alessandro Giusta - che Torino città universitaria è una realtà: credere in una città a misura di giovani significa creare luoghi, spazi e servizi per lo studio, per l’aggregazione e per il lavoro

 “La collaborazione tra istituzioni – aggiunge il presidente dell’Edisu Piemonte Alessandro Sciretti - porta l’università e tutto il suo mondo all'interno di quartieri e spazi per lei nuovi, popolando così di studentesse e studenti tutta Torino. Una osmosi importante che rivitalizzerà di sicuro aree periferiche della città."

Tra gli spazi Imbarchino, Cap 10100 e Anatra Zoppa

Nel dettaglio i nuovi spazi dedicati alla didattica, studio e tempo libero saranno in: via Cumiana, Centro Interculturale, Polo 365, Cap 10100, Torino Youth Centre, CPG Torino , Imbarchino, Alkadia, El Barrio,  Barrito,  Cascina Roccafranca, Spazio 211,  Aris, BUNKER, Associazione Magazzino sul Po, L’Arteficio APS, Circolo La Cadrega e l’Anatra Zoppa/Banfo.

Da oggi tutte le informazioni sulle date di apertura degli spazi e la mappatura completa saranno sul sito www.studyintorino.it

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium