/ Eventi

Eventi | 16 maggio 2021, 17:27

Guida aerospaziale "for dummies": a Torino atterra un'astronave di eventi interattivi

Appuntamento dal 30 settembre al 3 ottobre con "Space Festival", primo evento del settore realizzato in Italia in chiave entertainment. L'ideatore è Marco Berry

Marco Berry

Marco Berry è l'ideatore del primo "Space Festival" in Italia

Laboratori, conferenze, film e libri, esposizioni di prototipi e aeromodelli, mostre fotografiche e molto altro ancora per conoscere tutto sul mondo dello spazio e delle aziende che ne studiano i punti più remoti. Una vera e propria galassia di testimonianze interplanetarie sarà protagonista, a Torino, dal 30 settembre al 3 ottobre, dello Space Festival – Gioco, Scienza, Fantascienza, il primo evento del settore realizzato in Italia in chiave entertainment.

Un'occasione unica per conoscere da vicino tutti i segreti di un settore che non cessa mai di affascinare e stupire, incuriosendo gli appassionati di volo e fantascienza, droni, realtà virtuale, astrofisica e missioni Apollo. 

Il festival è articolato in quattro giorni e si svolgerà in diversi luoghi, sia all’aperto sia in alcune location selezionate, come teatri, cinema, scuole e università, edifici storici e aziende, che ospiteranno momenti di incontro e approfondimento sulla storia dei viaggi dell’uomo nello spazio e sulla tecnologia che ha permesso le importanti conquiste di astronauti come Maurizio Cheli e Franco Malerba.

Ideatore e direttore artistico del format, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Torino e della Regione Piemonte, è Marco Berry, conduttore, attore, autore, divulgatore e illusionista, nato sotto la Mole e da sempre appassionato di spazio, fin da quando da bambino sognava di fare l’astronauta.

La mia passione per lo spazio - racconta - nasce dalla curiosità e dalla meraviglia che rappresenta questa realtà remota e con questo evento vorrei far condividere e provare al maggior numero di persone, dai più piccoli agli appassionati, quello che provo io quando penso allo spazio, facendolo raccontare e descrivere con un linguaggio divulgativo direttamente dai protagonisti che ogni giorno lo vivono. Non esisteva ancora un festival rivolto alle famiglie e al grande pubblico che rendesse fruibile sotto forma di spettacolarizzazione quello che rappresenta lo spazio da tutti i punti di vista, non solo quello della tecnologia. E non potevo che esordire da Torino, città che più di tutte unisce un ecosistema di aziende e poli di ricerca sull’aerospazio tra i più importanti al mondo, capace di affermarsi a livello internazionale come principale player nella progettazione e costruzione di tutto ciò che orbita intorno al nostro pianeta”.

Due gli organizzatori e promotori dello Space Festival: la Marco Berry Onlus - Magic for Children, fondata nel 2011 da un gruppo di amici con lo scopo di sostenere progetti di inclusione e avvicinamento all’attività sportiva di minori con difficoltà fisiche e mentali, e Creostudios Spa, agenzia di comunicazione impegnata quotidianamente nella promozione e nella realizzazione di progetti per lo sviluppo sostenibile della società e dell’ambiente.

In questa prima edizione di Space Festival sono già state coinvolte diverse realtà locali e del settore, come Fondazione CRT, Compagnia di San Paolo, Smat, Unione Industriale di Torino, AMMA (Aziende Meccaniche Meccatroniche Associate), Politecnico di Torino, Distretto Aerospaziale del Piemonte, Aero Club Torino, Planetario di Torino, Thales Alenia Space e Altec.

Manuela Marascio

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium