/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 19 ottobre 2021, 13:01

Compagnia di San Paolo e UniTo si aggiudicano la Cavallerizza Reale: "Sorgerà nuovo polo culturale"

Verso la riqualificazione Corte delle Guardie, Ala del Mosca e il Nucleo delle Pagliere. Nel bene Unesco gli uffici della fondazione bancaria

Compagnia di San Paolo e UniTo si aggiudicano la Cavallerizza Reale: "Sorgerà nuovo polo culturale"

Compagnia di San Paolo e UniTo si aggiudicano una porzione della Cavallerizza Reale, dove promettono di realizzare un nuovo polo culturale. I due enti, con un'offerta di oltre 11 milioni e 300 mila euro, hanno infatti vinto il lotto 5 del bene Unesco partecipando al bando di alienazione pubblicato dalla Città lo scorso 30 aprile. Un atto che ha seguito l’approvazione in Sala Rossa, lo scorso 8 febbraio, del Progetto Unitario di Riqualificazione che punta a recuperare il "quartiere" alle spalle del Regio, in parte distrutto da un incendio. 

Verso la riqualificazione Corte delle Guardie, Ala del Mosca e il Nucleo delle Pagliere

Compagnia di San Paolo e Università di Torino puntano a riqualificare la Corte delle Guardie, l'Ala del Mosca, il Nucleo delle Pagliere, comprensive dei relativi spazi esterni adibiti a cortile di Piazzetta Vasco e Passaggio Chiablese. L'accordo tra i due enti "prevede la realizzazione di un Polo Culturale che può restituire a Torino una parte fondamentale del proprio centro storico".

Nuovi percorsi pedonali e di accesso ai Giardini Reali

"L’obiettivo condiviso - aggiungono - è quello di recuperare l’ispirazione e la trama di connessioni settecentesche in un progetto unitario in grado di offrire ai cittadini nuove corti, nuovi percorsi pedonali per attraversare il centro storico e un nuovo accesso ai Giardini Reali".

Geuna: "Nasce distretto culturale in città"

"Una maggiore presenza di UniTo alla Cavallerizza - ha dichiarato Stefano Geuna Rettore dell’Ateneo - sarà positiva per Torino anche perché esprime la nascita di un vero e proprio distretto culturale nel cuore della città. Di ciò vorrei sottolineare anche il significato sociale ed urbanistico data la centralità che dovranno rivestire le politiche culturali per la costruzione di un nuovo modello di sviluppo del territorio".

Silvestri: "Fondi del Pnnr per rilancio"

"Fin da subito - ha dichiarato Andrea Silvestri, Direttore Generale dell'Università di Torino - partiremo con lo studio di modelli gestionali innovativi che possano generare attrattività e sostenibilità per il nuovo polo. In parallelo ci stiamo attrezzando per mettere in campo le risorse necessarie per la riqualificazione dell’immobile. In questa prospettiva, i fondi messi a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, rappresentano una leva importante per l'attuazione di strategie di rilancio per le quali stiamo lavorando con grande motivazione”.

Profumo: "Condizioni per attrarre ulteriori risorse"

Per il presidente della fondazione bancaria Francesco Profumo"Ci sono ora tutte le condizioni per ridisegnare una parte di città e per attrarre ulteriori risorse per il restauro della Rotonda castellamontiana e del Maneggio alfieriano, così da creare un collegamento tra via Verdi e i Giardini Reali in uno spazio aperto alla cittadinanza e agli eventi artistici e culturali".

In Cavallerizza nuovi uffici di Compagnia di San Paolo

E nel complesso Unesco, come confermato, dal segretario generale Alberto Anfossi, sorgerà il quartier generale di Compagnia di San Paolo. "In Cavallerizza Reale potranno trovare spazio anche i nuovi uffici della Fondazione, che immaginiamo aperti, in dialogo con la città e i cittadini anche attraverso la riqualificazione delle aree verdi, e degli spazi pubblici che la caratterizzano", conclude.

Appendino: "La nuova Amministrazione prosegua su questa strada"

“Sono certa che, seguendo le linee guida del progetto approvato in Consiglio comunale, la nuova Amministrazione – commenta l'ex sindaca Chiara Appendino – proseguirà l’importante e proficuo lavoro interistituzionale per recuperare e restituire alla piena fruibilità dei cittadini di uno spazio urbano di grande valore storico, architettonico, sociale, artistico e culturale”.

 

"Sono orgoglioso - commenta l'assessore uscente all'Urbanistica Antonino Iaria - di aver contribuito a creare un bel progetto, che ha risolto un problema  ereditato. La Cavallerizza avrà sempre più funzioni e spazi pubblici". E Iaria si leva poi un sassolino dalla scarpa e attacca poi i "dissidenti" in maggioranza (Damiano Carretto, Viviana Ferrero e Daniela Albano), da sempre contrari alla vendita del complesso. "Un caro saluto a tutti i detrattori di questo progetto", conclude ironico . 

 

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium