/ Moncalieri

Moncalieri | 22 novembre 2021, 07:30

Ospedale unico, Montagna 'chiama' Cirio: "Ci appelliamo a lui, basta perdite di tempo"

Il sindaco di Moncalieri attacca l'assessore Icardi e chiede l'intervento del governatore: "A lui riconosciamo la capacità di vedere le cose senza pregiudizi e la concretezza di risolvere i problemi". Anche il primo cittadino di Nichelino Tolardo 'sposa' la soluzione Vadò

piantina futuro ospedale unico vadò

Ospedale unico, Montagna chiama Cirio: "Ci appelliamo a lui per risolvere la questione, basta perdite di tempo"

Dopo mesi di silenzio, la questione dell'ospedale unico dell'Asl To5 ha di nuovo ripreso a far discutere la politica e i suoi protagonisti. E il sindaco di Moncalieri, Paolo Montagna, è tornato a far sentire la sua voce, rilanciando la candidatura del sito di Vadò, dopo il parere favorevole dell'Ires.

Duro attacco all'assessore Icardi

"Noi lo diciamo da anni e gli stessi tecnici regionali lo avevano messo nero su bianco già nel 2018. nel contenuto delle oltre 70 pagine di analisi e dati e soprattutto nella conclusione: la zona di Vadò è la migliore anche in termini di localizzazione per il nuovo ospedale", ha fatto notare il sindaco di Moncalieri. "Dopo lo studio del Politecnico, dunque, anche lo studio di Ires va di traverso a Icardi, che se la prende con tutti. Smentisce il Politecnico sul rischio idrogeologico e infanga il ruolo di Ires e dei suoi professori, Ires che peraltro è un ente partecipata dalla Regione. L’indipendenza degli scienziati, purtroppo, non coincide con l’esigenza dell'assessore di bloccare il sito del nuovo ospedale per motivi politici e di bandiera".

Chiesto l'intervento di Cirio

Dopo aver parlato di "supercazzola di Icardi, che annuncia l’ennesimo tavolo di lavoro sull’ospedale. E perde tempo, non rispondendo alle esigenze di salute delle persone", Montagna chiede la discesa in campo del governatore Alberto Cirio: "A lui riconosciamo la capacità di vedere le cose senza pregiudizi e la concretezza di risolvere i problemi. È a lui che ci appelliamo. Così come ai tanti amministratori regionali e locali della Lega, di Fratelli d’Italia, di Forza Italia, che credono nel valore della salute pubblica. Che credono che le persone, che la salute, vengono prima delle differenze di parte. Mettiamo fine a questa brutta pagina ed apriamone un’altra".

Anche Tolardo per la soluzione Vadò

Sulla questione è intervenuto anche il sindaco di Nichelino Giampiero Tolardo, che ha spostato la soluzione Vadò (lui che aveva prospettato l'ipotesi Debouchè): "Lo studio Ires ha definito l’area Vadò la migliore tra quelle verificate, una zona baricentrica e che già dispone di uno studio di fattibilità. Non possiamo più attendere, è arrivato il momento che la Regione prenda una decisione definitiva su una questione così importante che riguarda la salute dei nostri cittadini".

"C’è una priorità assoluta in termini di offerta sanitaria del nostro territorio, bisogna agire per evitare ulteriori sprechi di risorse e offrire al nostro territorio la sanità ospedaliera e le strutture necessarie", ha concluso Tolardo.

Massimo Demarzi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium