/ Cronaca

Cronaca | 06 dicembre 2021, 11:19

Green Pass sui mezzi pubblici, al via i controlli a campione: personale Gtt e polizia locale alle fermate (FOTO)

I controllori Gtt supportano gli agenti della polizia municipale, gli unici preposti a elevare sanzioni: i vigili sono presenti nelle fermate principali

controlli super green pass

Super Green Pass, Polizia municipale e Gtt controllano alle fermate

Spiacevole sorpresa per i torinesi che questa mattina hanno preso un mezzo pubblico senza avere il Green Pass e in piazza XVIII Dicembre si sono imbattuti nel pattuglione interforze composto dal personale di Gtt e dagli agenti della polizia municipale. Con l’introduzione dell’obbligo del certificato verde a bordo di bus, tram, metropolitana e treni, sono infatti partiti i controlli a campione per verificare che i passeggeri siano in possesso della certificazione verde.

 

I controlli con il pattuglione 'anti furbetti'

Con tante fermate e luoghi da presidiare ma pochi agenti e personale Gtt a disposizione, si è scelto di controllare i Green Pass in punti strategici come la stazione di Porta Nuova e Porta Susa: in piazza XVIII Dicembre, dove transitano i tram 10, 13 e i bus 71, 49, 59 e 29, questa mattina il pattuglione interforze composto da dieci controllori Gtt e dieci agenti della polizia municipale ha verificato i titoli di viaggio e i Green Pass dei passeggeri. Gli unici preposti a elevare le multe, in ogni caso, rimangono i vigili, con il personale Gtt nel ruolo di supporto logistico. 

 

Il caso degli studenti

Nessun controllo nell’orario di punta, quello compreso tra le 7.30 e le 8.30. Una scelta forse dettata dal fatto che nella conferenza Stato-Regioni, i governatori hanno chiesto una moratoria per gli studenti: dai 12 anni in su infatti, pur essendo soggetti alla campagna vaccinale, i ragazzi non rientrano nella categoria degli obbligati al vaccino e possono andare in classe senza alcun controllo.

Avere il Green Pass, cioè almeno un test negativo, per salire su un bus, tram o metropolitana, appare ai presidenti delle Regioni un controsenso. Ecco perché, negli scorsi giorni, il ministro agli Affari Regionali Mariastella Gelmini si era detta aperta al dialogo e a valutazioni. Nel frattempo, almeno a Torino, la via scelta sembra essere quella di non utilizzare il pugno duro contro gli studenti.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium