/ Attualità

Attualità | 08 marzo 2022, 10:04

Partigiane, musicista e l'ideatrice della mimosa per l'8 Marzo: Torino intitola strade e giardini alle grandi donne del passato

A breve vie dedicate a Lidia Menapace, Teresa Mattei, Ernestina Prola e Aida Ribeiro. Un giardino per Tina Anselmi

Lidia Menapace

Nuove intitolazioni dedicate alle donne, a Torino: una di queste è Lidia Menapace

Lidia Menapace era una partigiana ed intellettuale fortemente impegnata sul tema della pace. Teresa Mattei, oltre ad pedagogista e tra le fondatrici dei Gruppi di difesa della donna durante la Resistenza, introdusse la mimosa come simbolo dell'Otto Marzo. A loro e alle altre donne che con la loro vita si sono ritagliate un posto nella storia, il Comune di Torino vuole dedicare strade e piazze. È la presidente del Consiglio comunale Maria Grazia Grippo ad annunciare la concreta adesione della Città alla campagna nazionale "8 marzo, 3 donne, 3 strade", lanciata dall'Associazione Toponomastica Femminile con il patrocinio di ANCI.

Grippo: "Si passa a fase attuativa" 

"Essendo anche presidente della Commissione Toponomastica - spiega la numero 1 della Sala Rossa - intendo ora agire per iniziare un percorso di riequilibrio di genere nell'attribuzione delle denominazioni a strade, giardini e luoghi pubblici della nostra città". Un percorso "che richiede di abbandonare le enunciazioni di principio, per passare a una più convincente fase attuativa". 

Due strade per Ernestina Prola e Aida Ribero

Nei prossimi mesi Palazzo Civico intitolerà 4 strade nel comprensorio “Prin Pronda Marche” alla periferia occidentale della città, a Menapace e Mattei e altre due "donne che, in ambiti diversi, hanno lasciato la loro impronta nella storia del nostro Paese”. Si tratta di Ernestina Prola, prima donna italiana a conseguire la patente di guida nel 1907 e poi pilota automobilistica, è Aida Ribero, docente e fondatrice del Centro studi e documentazione del pensiero femminile di Torino. 

Il giardino pubblico di via Buenos Aires a Tina Anselmi

Entro il mese di maggio, come spiega Grippo, verrà intitolato "il giardino pubblico situato in via Buenos Aires a Tina Anselmi, insegnante, prima donna designata a ricoprire la carica di ministro della Repubblica Italiana e il roseto del Parco della Tesoriera a Teresina Tua,  che alla fine del XIX secolo fu definita" l'angelo del violino".

Una strada all'assessore Frida Malan

La proposta poi è di intitolare "una traversa di via Pasteur alla figura di Frida Malan, partigiana, consigliera comunale e assessora della Città di Torino, nonché di dedicare una via in zona strada San Mauro a Virginia Angiola Borrino, pediatra e prima donna a dirigere una Clinica pediatrica universitaria”.

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium