/ Attualità

Attualità | 23 giugno 2022, 11:01

Disabilità, Torino “rimandata” dal report di CPD e delle associazioni

Sostegni alle famiglie, abitare sociale, diritto allo studio e molto altro: ieri mattina il confronto con gli assessori Tresso, Rosatelli e Salerno su criticità e possibili soluzioni

disabile

Sostegni alle famiglie, abitare sociale, diritto allo studio e molto altro

Torino è “rimandata” sulle tematiche inerenti la disabilità: ad evidenziarlo è il report “Piemonte e disabilità: le istanze del territorio”, elaborato dalla Consulta Persone in Difficoltà in collaborazione con le associazioni del territorio e con il supporto dei Centri Servizi per il Volontariato della Città Metropolitana. L'inizativa fa parte del progetto “Welfare territoriale: il lavoro delle associazioni”, promosso dalla stessa CPD grazie a sostegno della Regione.

Criticità e proposte

Il report ha analizzato la tematica disabilità scomponendola in settori, sottolineandone le principali criticità e proponendo alcune soluzioni. Il primo focus si è rivolto alle famiglie, per le quali si è rilevata una generale carenza di supporto per aspetti come genitorialità, dopo di noi, caregiver e domiciliarità, a cui si dovrebbe far fronte con politiche di orientamento e sostegno. Sull'abitare sociale, invece, a fronte di una mancanza di visione, a una frammentazione degli interventi e a una spinta rivolta troppo spesso alla residenzialità viene proposto l'aumento delle soluzioni abitative, il contrasto alla segregazione e il sostegno alla sostenibilità economica.

Il terzo aspetto preso in considerazione riguarda le possibilità di vivere il territorio, con problematiche che vanno dalla carenza di spazi di aggregazione e di trasporti pubblici adeguati alla scarsa accessibilità dei luoghi di cultura e delle strutture sportive, passando per la scarsa informazione; il tutto superabile, secondo i relatori, attraverso il miglioramento dell'offerta museale, politiche adeguate di mobilità rivolta ancora verso la residenzialità, l'aumento della qualità e dell'accessibilità delle informazioni e altri interventi.

Gli altri punti analizzati hanno riguardato il lavoro (lavorare per crescere), il diritto allo studio e la cura (curare e curarsi): “Il nostro obiettivo - hanno spiegato Daniela Bucci e Carlo Giacobini, coordinatori scientifici del report – è stato quello di evidenziare criticità e di costruire proposte e suggerimenti per delineare un percorso di miglioramento della qualità della vita delle persone con disabilità. La disabilità, da quanto emerso, è un tema trasversale che necessita di risposte trasversali”. “La nostra - ha aggiunto il consigliere di CPD Luca Nicolino – non vuole essere una critica fine a se stessa ma una proposta per creare un tessuto sociale migliore e una comunità più consapevole”.

Il confronto con gli assessori Tresso, Rosatelli e Salerno

Ieri mattina, infine, è andato in scena un confronto con alcuni assessori della Città di Torino: “Il target principale - ha dichiarato Francesco Tresso – deve essere quello dell'autonomia con un'azione calata sui diversi territori e sulle loro caratteristiche specifiche. Altri punti fondamentali riguardano l'universal design, il piano di abbattimento delle barriere architettoniche e il disability manager”.

Dovremo dotarci - ha commentato invece Jacopo Rosatelli – di una cabina di regia e di una forma di segretariato sociale con il coinvolgimento delle istituzioni e di tutta la società civile, mentre per contrastare le discriminazioni servirà una rivoluzione culturale; i primi effetti del Pnrr, invece, si vedranno solo tra un paio d'anni”.

Il mio primo impegno - ha infine concluso Carlotta Salerno – è stato quello di fornire un servizio di trasporto efficiente e rispettoso delle esigenze della persona, garantendo in primo luogo il diritto allo studio su cui poi creare tutto il resto”.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium