/ Politica

Politica | 27 giugno 2022, 10:15

Aurora, Peddis (Azione) lancia l'allarme: “Siamo ostaggio degli spacciatori”

Le proposte della segretaria provinciale, che risiede e gestisce un'attività in zona, per la sicurezza: “Presidi delle forze dell'ordine, investigazione e chiusura anticipata dei minimarket”

ponte sulla dora ad aurora

Aurora, Peddis (Azione) lancia l'allarme: “Siamo ostaggio degli spacciatori”

Sui più recenti fatti di cronaca accaduti in Aurora, culminati con l'inseguimento con il machete che ha suscitato clamore anche a livello nazionale, sono diversi gli esponenti politici che hanno espresso la propria opinione a riguardo. A esternare preoccupazione per la sicurezza nel quartiere, questa volta, è la segretaria provinciale di Azione Cristina Peddis, che risiede e gestisce uno studio di amministrazione immobiliare nei pressi del Ponte Mosca.

"Sotto ricatto di spacciatori e criminali"

Il quadro presentato dalla Peddis è tutt'altro che idilliaco: “Nel 2018 – ha raccontato – abbiamo spostato l'attività dal primo piano al piano strada per dare un segnale simbolico a un territorio in crisi sui locali commerciali. Da alcuni anni, però, viviamo un progressivo abbandono che ha fatto sì che gli spacciatori e i tossicodipendenti prendessero il sopravvento".

"Negli ultimi 6 mesi la situazione è precipitata con risse quotidiane tra gang che sfociano in lancio di bottiglie di vetro - fa notare la segretaria provinciale di Azione - spesso devo chiedere il permesso anche per entrare in casa, mentre chi viene in studio ormai ha molto timore. Come se non bastasse, la fermata Emilia del 4 è diventato un orinatoio a cielo aperto con notevoli problemi igienico-sanitari”.

"Da mattina a sera controlli delle forze dell'ordine"

Oltre a sottolineare le criticità, Peddis lancia anche alcune proposte: “La sola riqualificazione urbana – ha sottolineato – dello Student Hotel potrebbe non bastare, i primi a chiederci di risolvere i problemi del quartiere sono gli stessi commercianti di origine nordafricana che hanno completato il percorso di integrazione. Non è piacevole vivere in strade presidiate dalle forze dell'ordine, ma la soluzione non può prescindere da un monitoraggio costante dal pomeriggio fino alla tarda serata".

"Parallelamente - conclude l'esponente di Azione - dovrebbe scattare la chiusura anticipata alle 21 dei minimarket con controlli sinergici della polizia municipale e dell'Asl per il controllo delle irregolarità. In conclusione, andrebbe organizzata un'attività di investigazione sul lungo periodo in grado di andare più in profondità rispetto alla repressione immediata”.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium