/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 23 gennaio 2023, 07:00

La tecnologia del 2023 per la pubblicità

Se si possiede un’attività commerciale e la si vuole proporre al grande pubblico attraverso innovazioni tecnologiche ma non si sa bene come fare, potrebbe essere una buona idea affidarsi ad apposite agenzie pubblicitarie, che si occuperanno di suggerire il miglior modo per accrescere la clientela e sbaragliare la competenza nel mercato del lavoro.

La tecnologia del 2023 per la pubblicità

Se si possiede un’attività commerciale e la si vuole proporre al grande pubblico attraverso innovazioni tecnologiche ma non si sa bene come fare, potrebbe essere una buona idea affidarsi ad apposite agenzie pubblicitarie, che si occuperanno di suggerire il miglior modo per accrescere la clientela e sbaragliare la competenza nel mercato del lavoro.

Siamo nel 2023 e la nostra è l’era digitale. Per questo, occorre sfruttarla in tutto e per tutto, cercando di ottimizzare il lavoro, rendendo più proficuo possibile. Le tecnologie pubblicitarie, dunque, vedono sempre di più l’utilizzo del settore grafico e del design, realizzando campagne pubblicitarie all’avanguardia.

La pubblicità attraverso uno schermo

In un mondo vissuto davanti a uno schermo, in un’era in cui l’apparire, alle volte, predomina sull’essere, puntare sull’utilizzo di strumenti tecnologici per una buona pubblicità, può essere una mossa vincente. La tecnologia si tramuta spesso in processi di innovazione, e regala grandi vittorie anche nel campo del commercio. È quasi certo che verranno sempre più utilizzati i maxischermi per attirare l’attenzione della gente verso la propria attività e i Led Wall posti all’ingresso dei negozi, per spingere il passante a entrarvi.

Tecniche che puntano sull’occhio umano e sulla curiosità, e che sviluppano nella mente del cliente un’attenzione al bello, un richiamo alla novità. I grandi maxischermi, come ad esempio i Ledwall Macropix, garantiscono ottimo impatto visivo ad alta definizione, grande visibilità per marchi, prodotti e servizi offerti.

Grazie alla grafica, ai colori, alle immagini dinamiche, attraggono l’attenzione del passante, che si focalizza sul contenuto. Il marketing è in continua evoluzione, ed è fondamentale stare al passo con i tempi, ogni giorno si vive uno sviluppo in termini di commercio e di tecnologia, e l’avere la mente aperta e predisposta al cambiamento è un asso nella manica per un commerciante che tiene alla resa della propria impresa.

Parola d’ordine: persuasione

Il fatto che la tecnologia si sia sviluppata e che il digitale abbia preso in gran parte il posto della carta stampata, non vuol dire che sia così semplice ed immediato attirare l’attenzione della gente. Proprio perché le strade sono piene di maxischermi, e i negozi hanno, nella maggior parte dei casi, digitalizzato le loro vetrine con i Led Wall, potrebbe essere facile cadere nel banale. Avere originalità è la chiave per avere successo.

Occorre dare voce al desiderio del momento, capire cosa vorrebbe vedere chi è davanti allo schermo, pensare ai bisogni del cliente e all’esigenza del momento. Comunicazione verbale e visiva sono alla base di una buona pubblicità, ma gli strumenti tecnologici possono essere un’arma a doppio taglio. I contenuti devono essere proporzionali alla strategia di vendita: ottenere un nuovo cliente non è affatto scontato e fidelizzare un cliente è ancora più complicato. Soprattutto in questi tempi, la competenza è tanta ed emergere è sempre più difficile.

I pochi secondi di un passaggio sui maxischermi a led potrebbero essere un’occasione per mantenere il messaggio breve e al contempo accattivante. La pubblicità a LED potrebbe avere dei costi più elevati rispetto al classico cartellone affisso per strada, ma se si è consapevoli delle opportunità che offre, questo investimento può risultare come adatto.

Niente arriva dal niente, e per stare a galla nel mercato del commercio, bisogna anche saper rischiare. Occorre ricordare sempre il target di riferimenti e creare la pubblicità pensando agli elementi che potrebbero avere più riscontro tra quei potenziali clienti. È questione di strategia, è un gioco che va giocato a carte scoperte.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium