ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 08 febbraio 2023, 14:32

L'Aiuola della Questura intitolata al 'Giusto' Giovanni Palatucci nell’anniversario della morte a Dachau

Il poliziotto è tra i Giusti fra le nazioni per aver aiutato numerosi ebrei durante la Shoah. Alla cerimonia presenti il Questore e il Prefetto di Torino

aiuola giovanni palatucci

L'Aiuola della Questura intitolata al 'Giusto' Giovanni Palatucci

All’interno del cortile d’onore della Questura di Torino un’aiuola è stata intitolata a Giovanni Palatucci, che fu reggente della Questura di Fiume nel 1944 prima di venire deportato a Dachau. Il poliziotto, grazie alla sua posizione, riuscì a evitare che numerosi ebrei finissero nei campi di sterminio, fino a venire deportato lui stesso per accuse di cospirazione con gli inglesi.

Palatucci  “Giusto fra le nazioni”

Palatucci, che frequentò l’Università di giurisprudenza proprio a Torino, è stato nominato “Giusto fra le nazioni” dallo Yad Vashem, “Servo di Dio” dalla Chiesa cattolica e gli è stata assegnata la “Medaglia d’oro al merito civile” dalla Repubblica Italiana.

Numerose le autorità presenti

Alla cerimonia di questa mattina hanno partecipato il Questore di Torino Vincenzo Ciarambino e il Prefetto Raffaele Ruberto, oltre a Roberto Mastroianni, presidente del Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e delle Libertà. Presenti anche Barbara Berruti, direttrice dell’Istituto piemontese per la storia della resistenza e della società contemporanea (Istoreto); Nino Boeti, Presidente dell’ANPI Provinciale di Torino; Lucio Monaco, del direttivo dell’Associazione Nazionale ex-deportati nei campi nazisti (Aned). Il Cappellano della Polizia di Stato, durante la commemorazione, ha benedetto l’ulivo appena piantato nell’aiuola Palatucci.

Gli studenti del Convitto Umberto I e il valore della memoria

Presente anche una rappresentanza di studenti del Convitto Nazionale Umberto I, per trasmettere il valore della memoria alle generazioni più giovani. I ragazzi, dopo la cerimonia, hanno assistito a una lezione sulla figura di Giovanni Palatucci e un approfondimento sul reato del crimine d’odio tenuto dal Primo Dirigente della Polizia di Stato.

Francesco Capuano

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium