ELEZIONI REGIONALI
 / Ambiente e Natura

Ambiente e Natura | 25 aprile 2023, 15:05

Coldiretti lancia l'SOS siccità per i boschi: "A rischio l'intero ecosistema forestale"

In Piemonte ci sono 1 miliardo di alberi, il 38% adesso è a rischio. "Necessario piantare 25 mila alberi per preservare la biodiversità e assorbire Co2"

foreste - foto d'archivio

Coldiretti lancia l'SOS siccità per i boschi: "A rischio l'intero ecosistema forestale"

Nonostante qualche (breve) pioggia nei giorni scorsi, è SOS siccità anche per i boschi dell’arco alpino. I cambiamenti climatici, con il moltiplicarsi di eventi estremi, si abbattono su una situazione di degrado dovuto alla mancanza di manutenzione del verde. E’ quanto denuncia Coldiretti Piemonte rispetto ad una situazione che necessita l’attenzione delle Istituzioni ad ogni livello, da quello nazionale a quello territoriale.

In Piemonte quasi 1 miliardo di alberi

In Piemonte ci sono quasi 1 miliardo di alberi e sono presenti 52 specie arboree e 40 specie arbustive con una grande variabilità di composizione e struttura. E’ la regione, che a livello nazionale, ha la più ampia superficie forestale arborea con circa 1 milione di ettari, ovvero il 38% del territorio, di cui i boschi coprono 932 mila ettari.

"A rischio l'intero ecosistema forestale"

“A rischio ci sono i nostri boschi e da proteggere c’è tutto un ecosistema forestale, con un grande patrimonio di biodiversità e una strategica capacità di assorbire CO2 e mitigare i cambiamenti climatici – spiegano Roberto Moncalvo Presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale - In alcune regioni del nord Italia, ad esempio, la siccità sta favorendo la moltiplicazione degli insetti killer del bosco dove, a seguito della cosiddetta tempesta Vaia che ha lasciato a terra centinaia di migliaia di tronchi, si è rapidamente diffuso il Bostrico Tipografico, un coleottero che ama il clima arido ed asciutto ed è capace di determinare la morte degli alberi indeboliti dalla compromissione degli habitat. Per questo è sempre più fondamentale il lavoro di gestione e pulizia dei boschi, determinante per l’ambiente e la sicurezza della popolazione".

"Sostenere la filiera del legno"

"La guerra ha messo sotto gli occhi di tutti, oltretutto, la necessità di aumentare le risorse energetiche interne per questo puntare sulla filiera del legno, attraverso specifici accordi, garantirebbe maggiore sicurezza nell’approvvigionamento portando nello stesso tempo al vantaggio di uno sfruttamento responsabile e sostenibile del bosco con salvaguardia essenziale del territorio, oltre alla creazione di nuovi posti di lavoro - sottolineano i due esponenti di Coldiretti in conclusione - Per non parlare, poi, degli effetti positivi che si riverserebbero sulla questione inquinamento e cambiamenti climatici, fattori che al giorno d’oggi non si possono più ignorare”.

Piantare 25 mila alberi per preservare la biodiversità

25 mila alberi saranno piantati in questo mese da Rete Clima con Coldiretti e partner privati per onorare la Giornata Internazionale delle foreste, indetta dal 2012 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per ricordare l'importanza delle foreste per gli equilibri del Pianeta e per la vita dell'uomo. Si tratta di alberi da filiera 100% italiana, rispettano la biodiversità e le peculiarità locali, con la garanzia di una cura anche nelle fasi successive alla piantagione. 

La messa a dimora di nuovi alberi è importante per affrontare il problema della ridotta disponibilità di spazi verdi nelle città dove si dispone di appena 33,8 metri quadrati di verde urbano con Torino dove ci sono a disposizione solo 22 metri quadrati per abitante. Piantare alberi è un investimento sul futuro, crediamo che possa essere un’opportunità di educazione ambientale e di cura del Pianeta, così come una possibilità economica per i nostri vivaisti forestali privati. Puntare sulla filiera 100% italiana garantisce alla biodiversità locale di crescere e alle nostre città di avere un alleato in più contro l’inquinamento, assorbendo Co2 per mitigare i cambiamenti climatici”, sottolinea Coldiretti.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium