/ Attualità

Attualità | 02 ottobre 2023, 17:37

Torino non è più la città della Fiat? Adesso lo dicono anche i cartelloni pubblicitari sui muri della metropoli

Il Reset Festival, che oggi inaugura la sua quindicesima edizione, ha scelto uno slogan che irride la tradizione industriale del capoluogo piemontese. Segno dei tempi che cambiano

torino città della musica

Lo slogan del Reset Festival fa ironia sulla tradizione industriale della Torino dell'auto

Lesa maestà o risata di gusto? Di certo, ormai la vocazione industriale di Torino è diventata anche materia di pubblicità. E con fare decisamente irriverente.

Succede con il Reset Festival, che per la sua quindicesima edizione ha scelto uno slogan decisamente azzeccato, almeno per quanto riguarda l'attuale dibattito intorno all'automobile. Ai più attenti, infatti, non sarà sfuggito il manifesto che, su sfondo nero, mostra una scritta piuttosto inequivocabile, in bianco su sfondo nero: "Torino è la città della Fiat".

Scritto minuscolo. Ma soprattutto cancellato con un tratto di colore rosso e corretto, pochi centimetri più in basso, con la scritta "musica". Insomma, che Torino stesse smettendo (almeno in parte) i panni della città-fabbrica per aprirsi a nuove vocazioni come la cultura e il turismo era ormai un dato di fatto. Ma adesso sta diventando anche un motivo di ironia e, addirittura, di promozione.

Tempi che cambiano. A ritmo di musica.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium