/ Cronaca

Cronaca | 16 ottobre 2019, 09:34

La droga era "bio", ma comunque illegale: il giardiniere pusher finisce in manette [VIDEO]

Ad arrestarlo, i carabinieri, che hanno scoperto la sua attività tra le mura domestiche a Pino Torinese

La droga era "bio", ma comunque illegale: il giardiniere pusher finisce in manette [VIDEO]

I carabinieri della Stazione di Torino Barriera Piacenza lo hanno arrestato con l'accusa di detenzione e produzione di marijuana. A finire nei guai è un giardiniere italiano di 27 anni, cui le forze dell'ordine sono risaliti dopo i controlli effettuati nei parchi collinari, con particolare riferimento al parco Cascina Bert.

Dopo le tante lamentele dei residenti e di chi frequentava le aree verdi, i militari hanno individuato il pusher, che era appostato con tipico atteggiamento d’attesa nei pressi della propria autovettura. La perquisizione personale ha permesso di sequestrare diverse dosi di hashish e 700 euro in contanti di piccolo taglio.




Ma non solo. In macchina, i carabinieri hanno trovato alcune bustine vuote con tracce di marijuana. La successiva perquisizione a casa ha permesso di sequestrare 240 grammi di hashish, 100 grammi di marijuana, alcune piante in coltivazione, 13000 euro ritenuti provento dell’attività illecita posta in essere nonché tutto il necessario per la coltivazione delle infiorescenze e foglie di marijuana. Con quest’ultime attrezzature, complice anche la qualificazione professionale acquisita quale giardiniere, aveva tappezzato la propria abitazione in Pino Torinese, dimostrando assoluta perizia nella produzione dello stupefacente.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium