/ Eventi

Eventi | 17 febbraio 2020, 18:41

A Collegno un carnevale tra storia, dolci e feste

L’assessore Cavallone: "Aspettiamo tutti il 15 marzo per la sfilata dei carri sul viale XXIV Maggio"

A Collegno un carnevale tra storia, dolci e feste

Il Carnevale di Collegno è entrato ufficialmente nel vivo con due giornate di festa, che hanno riempito il bocciodromo di bambini e di famiglie, insieme alle maschere della tradizione cittadina e a circa duecento appassionati di fritto misto alla piemontese.

“La tessioira: la cosa piu bella è l'affetto dei bambini che ci ascoltano a bocca aperta quando raccontiamo la storia di come si viveva a Collegno tanti anni fa e di come le tessitrici aiutavano il bilancio familiare allevando bachi da seta. Il marghè al pascolo la mattina presto dopo la prima mungitura, una giornata nei prati con i suoi cani e i suoi armenti fino a sera quando rientrava per la seconda mungitura”. Davide Morra, cultore di storia locale ha così tracciato il profilo della Tessioira, sottolineando come questa figura femminile sia presente in tutte le epoche a partire dal 1600 fino a metà del 1900.

Il carnevale ha preso il via, infatti, con l'investitura e la consegna delle chiavi della città ai due personaggi storici. L'associazione culturale San Lorenzo, con il contributo della città di Collegno, ha aperto le porte del 34esimo carnevale con Tessioira e Marghè, i cui panni sono stati vestiti rispettivamente da Laura Fecchio e Fiorenzo Peiretti.

“Con le feste di carnevale in ogni quartiere, Collegno si dimostra una città della socialità aggregante - ha commentato l’assessore alla cultura Matteo Cavallone -, aspettiamo tutti il 23 febbraio alla festa in maschera sul ghiaccio e il 15 marzo per la sfilata dei carri sul viale XXIV maggio”.

Diana Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium