/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 19 aprile 2020, 07:30

Giocateatro Torino trasferisce in una platea "virtuale" le proposte di spettacoli per bambini e ragazzi

Il festival, organizzato dalla Fondazione Casa del Teatro Ragazzi e Giovani Onlus, si terrà sul web dal 22 al 24 aprile

Giocateatro Torino trasferisce in una platea "virtuale" le proposte di spettacoli per bambini e ragazzi

Dal 22 al 24 aprile si sarebbe dovuta svolgere a Torino, presso la Casa del Teatro Ragazzi e Giovani, la ventiquattresima edizione di Giocateatro Torino – Festival di teatro per le nuove generazioni. Tre giorni in cui, insieme al pubblico di bambini, ragazzi, famiglie e insegnanti, circa 150 tra direttori artistici e loro collaboratori, italiani che stranieri, avrebbero avuto l’opportunità di visionare spettacoli e valutare quali ospitare nella prossima stagione teatrale. 

Per la prima volta”, afferma Graziano Melano, direttore artistico della Fondazione TRG Onlus, “dopo quasi 25 anni, l’evento non potrà essere realizzato nelle date previste,L'emergenza Covid-19 ci impedisce di procedere oltre nell'organizzazione dell'evento. Lo rinviamo quindi a data da destinarsi. Ma diamo a tutti gli interessati appuntamento, negli stessi giorni, sul sito e sulla nostra pagina Facebook, dove si potranno leggere le schede, vedere i promo degli spettacoli in cartellone, ascoltare gli artisti coinvolti nel festival, per garantire in modo almeno virtuale lo scambio di opinioni e poetiche che da sempre ha caratterizzato il nostro Giocateatro Torino. Ma la speranza sarà quella di poterli mostrare dal vivo gli spettacoli appena possibile”. 

Ecco l’elenco degli spettacoli che avrebbero dovuto essere presentati al pubblico: 

LE RAPPRESENTAZIONI DI TEATRO-RAGAZZI (5/9 anni) 

I CANTI DELL’ALBERO di Controluce Teatro d’Ombre su musica di Maurice Ravel, uno spettacolo di ombre e di figura sulla geografia dell’immaginazione che prende spunto da piccoli gioielli pianistici di Maurice Ravel. È la storia di due giovani che si ritrovano nel bosco dell’infanzia grazie alla musica. È lei a consentir loro di assistere a narrazioni incantate che li trasportano nel mondo delle fiabe (+6). 

LA FAMIGLIA PERFETTA di Teatrodistinto racconta, senza utilizzare parole, la gamma di emozioni che ciascuno di noi vive e affronta nella sua prima e fondamentale socializzazione, quella in famiglia. Le dinamiche di comunicazione non sempre facile, il vissuto della gelosia, del bisogno di inclusione. La paura di deludere e le frustrazioni che ne scaturiscono (+5). 

IL CALABRONE NON LO SA di Onda Teatro dove in scena c’è una calabrona, Simona, che prima volava e adesso non vola più. I suoi compagni calabroni le hanno detto che è troppo grossa per volare, che è illogico che voli. Comincia quindi il suo viaggio iniziatico verso la riscoperta della sua vera natura (+6). 

BARBABLÙ E ROSSANA di e con Monica Mattioli insegna ad ascoltarsi e a non lasciarsi manipolare, ribellandosi di fronte a relazioni che soffocano, inibiscono e annullano. Perché le donne e gli uomini di domani imparino fin da piccoli “che cos’è l’amor”, inteso come espressione di rispetto, di sincera, reciproca e libera condivisione dei propri sentimenti (+9). 

LE RAPPRESENTAZIONI PER GLI ADOLESCENTI SE MI AMY di Anfiteatro è uno spettacolo teatrale scritto ed interpretato da Naya Dedemailan regia di Roberto Anglisani e musiche di Amy Winehouse sul tema della dipendenza da alcol. Si tratta di un monologo che parla di fragilità perché le dipendenze sono il risultato di una fragilità umana (+14). 

MIA Maschi violenti donne violate del Teatro Nazionale Genova di Giorgio Scaramuzzino affronta il tema del femminicidio e più in generale della violenza sulle donne. L’attore e la danzatrice Michela Cotterchio, indagano sulle cause di un pensiero malato, che ancora affligge la nostra società (+12). 

LE NUOVE PRODUZIONI DELLA FONDAZIONE TRG ONLUS 

CHI SEI? di Bruna Pellegrini e Adriana Zamboni è una storia di crescita in cui, tra piccoli conflitti, gesti di esclusione e prove di coraggio per vincere la paura, le stoffe, i nastri e i tessuti si trasformano piano piano nel paesaggio dove giocano personaggi curiosi (+3). 

CENERENTOLA Rossini all’Opera di Nino D’Introna, Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci è uno spettacolo con musica dal vivo, in collaborazione con Unione Musicale Onlus, in cui tre attori (Buonarota, Pisci e la giovane Mirjam Schiavello) ripercorrono le tappe principali della Cenerentola di Rossini in una girandola di sensazioni, emozioni, narrazioni e trasformazioni (+5). 

IN VIAGGIO CON IL PICCOLO PRINCIPE, è la nuova produzione in collaborazione con la Fondazione Bottari Lattes che vede in scena Claudio Dughera, Claudia Martore e Michele Puleio per la regia di Luigina Dagostino. Il pubblico viaggerà, insieme agli attori, tra i personaggi di un libro intramontabile che si è meritato il titolo di “classico per l’infanzia”. Per cercare di vedere con il cuore e non fermarsi alle apparenze (+5). 

LA PIRAMIDE INVISIBILE Alla Scoperta dell'Antico Egitto, presenta una grande mappa interattiva, 51 carte-gioco e un bizzarro e divertente archeologo, Francesco Giorda, per non perdere la bussola e scoprire una delle più grandi civiltà della storia (+6). 

MASKERRANDO Storie di teatro e di balene di Paola Mastrocola, regia di Nino D’Introna, con Giorgia Goldini, Irene Ivaldi e Graziano Melano. In un luogo fuori dal Mondo e fuori dal Tempo ci sono tre personaggi: un magazziniere che ha custodito per tantissimo tempo, con cura e con amore, delle grandi e meravigliose Maschere, e due donne che, per sbaglio, entrano nel magazzino e danno vita a un imprevisto. Uno spettacolo sul Teatro come luogo dove tutto è possibile (+6).

Manuela Marascio

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium