/ Cronaca

Cronaca | 05 maggio 2020, 11:50

Trovato in casa con oltre un chilo di cocaina e 7 mila euro in contanti: un arresto a Mirafiori

Denunciato anche un altro uomo cui il pusher aveva venduto le sostanze stupefacenti, già espulso dal territorio nazionale

Trovato in casa con oltre un chilo di cocaina e 7 mila euro in contanti: un arresto a Mirafiori

Un arresto per spaccio e detenzione di stupefacenti, più una denuncia per violazione delle norme sull'immigrazione. E' il bollettino registrato sabato scorso dalla polizia, a Torino, nel quartiere Mirafiori, vicino al mercato di via Onorato Vigliani. 

Gli agenti hanno notato due uomini, di origini albanesi, parlare tra di loro e stringersi la mano. Hanno quindi il più giovane, un ventitreenne residente in via Torrazza, trovato in possesso di 565 € in contanti, oltre a un consistente mazzo di chiavi.

Il secondo soggetto, un quarantaquattrenne senza fissa dimora, viene fermato poco più in là: risulta avere dei precedenti specifici per stupefacenti e una espulsione dal territorio nazionale. Il sospetto è che possa aver dato lui il denaro al connazionale, per un debito legato alla compravendita di sostanze stupefacenti.

I poliziotti, nonostante la reticenza del più giovane a indicare l’indirizzo di residenza, risalgono al suo appartamento tramite i dati della sua auto. Una volta all’interno, rinvengono altri 7000 € in contanti e 1,758 kg di cocaina, oltre ad un bilancino di precisione e materiale vario utile per il confezionamento e l’imbustamento sotto vuoto della sostanza. Durante la perquisizione, gli agenti hanno anche rinvenuto alcuni fogli manoscritti riportanti nomi  di persone con accanto delle cifre, verosimilmente riferibili a somme di denaro, fra i quali proprio il nome del cittadino albanese fermato con lui quel pomeriggio. 

A insospettire ulteriormente gli inquirenti, anche una bolletta dell’energia elettrica relativa a un  altro alloggio in via Caramagno. Qui sono stati ritrovati altri 2 kg e mezzo di marijuana, contenuti in due buste di grosse dimensioni termosaldate. 

Il valore approssimativo della vendita al dettaglio dell’intero carico di droga supera abbondantemente i 100 mila euro.

Il ventitreenne è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente; l’altro cittadino albanese è stato denunciato per la violazione del Testo Unico sull’immigrazione e sanzionato per l’inottemperanza alle disposizioni in materia di prevenzione del CoVid19. 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium