/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 10 luglio 2020, 08:46

Chieri, dal 19 al 26 luglio parte la campagna "Lo sconto è + buono"

L’assessore al Commercio Luciano Paciello: “Un sostegno concreto nei confronti degli esercizi commerciali costretti alla chiusura a causa del Covid”

Chieri, dal 19 al 26 luglio parte la campagna "Lo sconto è + buono"

“Un’iniziativa finalizzata a favorire il rilancio dell’economia cittadina e a sostenere il commercio chierese, attraverso un sistema di buoni sconto spendibili solo all’interno degli esercizi commerciali di Chieri che sono stati costretti a chiudere durante il periodo del lockdown a causa delle misure anti-Covid. “Lo sconto è + buono”, pensata come misura integrativa rispetto ai diversi bonus previsti dalle norme nazionali e regionali, vuole essere un sostegno concreto da parte dell’amministrazione comunale nei confronti degli esercizi commerciali duramente provati dall’emergenza sanitaria”: così dichiara l’assessore al Commercio Luciano Paciello, illustrando l’iniziativa “Lo sconto è + buono”.

“Come Comune abbiamo già attivato diverse misure finalizzate al sostegno e al rilancio delle attività economiche, per esempio il differimento dei termini di pagamento dei tributi comunali, l’esonero della COSAP (non solo a favore delle attività di somministrazione ma anche delle attività commerciali e artigianali) e la semplificazione delle procedure di occupazione suolo. Per dare un nuovo impulso alle attività produttive e commerciali cittadine, anziché distribuire risorse a pioggia con il rischio di produrre risultati poco significativi, abbiamo proposto al Tavolo di Partenariato di ricorrere allo strumento dei ‘buoni sconto’, ovvero voucher convertibili a scadenza, che consentono di ridurre i prezzi ma producendo un effetto moltiplicatore degli acquisti (si calcola che ogni buono sconto generi in media due vendite), contribuendo così a far circolare la ricchezza sul territorio, anche stimolando il turismo, perché i buoni sono spendibili solo in esercizi chieresi ma anche da non residenti a Chieri. Non solo: gli esercizi di ristorazione aderenti all’iniziativa praticheranno uno sconto ai clienti che esibiranno il buono”.

L’iniziativa “Lo sconto è + buono” è in programma a partire da domenica 19 luglio, in occasione della seconda domenica di ‘strade aperte a Chieri’, e fino a domenica 26 luglio. 

Un vero e proprio ‘patto’ tra il Comune di Chieri, le famiglie dei consumatori e le attività commerciali, che l’amministrazione comunale ha finanziato stanziando 50.000 euro e realizzando una campagna promozionale.

Così funziona “Lo sconto è + buono”:

·         il Comune provvede alla consegna ai commercianti aderenti di voucher del valore di € 10,00 (a titolo di moneta complementare), vidimati a cura dello stesso commerciante, e delle locandine da esporre in vetrina;

·         il commerciante, ad ogni acquisto per una spesa minima di € 40,00, applica uno sconto non inferiore al 10% sul prezzo di vendita finale e consegna al cliente un voucher (se la spesa supera € 40,00, è possibile consegnare al massimo due voucher per una singola spesa complessiva di almeno € 80,00);

·         il cliente potrà utilizzare il voucher in un acquisto successivo presso gli esercizi aderenti, entro la data di validità dell’iniziativa, su una spesa pari ad almeno € 40,00;

·         nell’ambito dello stesso acquisto potranno essere utilizzati un numero massimo di due voucher su una spesa di almeno € 80,00;

·         il cliente esibendo il voucher presso gli esercizi di ristorazione aderenti avrà diritto ad uno sconto;

·         il voucher è “al portatore” e potrà essere consegnato dall’esercente al cliente anche mediante girata sino ad un massimo di 5 volte (vidimato e timbrato con indicazione del numero di scontrino a cura dell’esercente che lo ritira);

·         il voucher potrà essere utilizzato nello stesso esercizio una sola volta al giorno;

·         il voucher non potrà essere utilizzato per l’acquisto di beni e servizi che beneficiano di altri contributi statali o regionali (cd. bonus);

·         al termine dell’iniziativa il commerciante potrà chiedere al Comune un contributo pari ad un massimo del triplo dei buoni ricevuti all’atto dell’avvio dell’iniziativa, mentre non potrà richiedere il contributo di voucher inutilizzati.

Per ulteriori informazioni e per l’elenco degli esercizi aderenti: www.comune.chieri.to.it

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium