/ Politica

Politica | 04 agosto 2020, 17:21

A Torino arriva Argo, il nuovo sistema di videosorveglianza integrata e diffusa [VIDEO]

Centinaia di nuove telecamere offriranno, nelle intenzioni della città, sicurezza percepita e reale. Focus a Porta Nuova e in borgo Aurora

A Torino arriva Argo, il nuovo sistema di videosorveglianza integrata e diffusa [VIDEO]

 

Incrementare la sicurezza reale e percepita: è questo l'obiettivo che si è data la Città di Torino con Argo, il nuovo sistema di videosorveglianza integrata che tra pochi mesi permetterà un maggiore controllo del territorio e della mobilità grazie a una rete tecnologicamente avanzata e  alla condivisione dei dati condivisi da parte della polizia municipale e delle forze dell'ordine.

Argo prevederà l'installazione di 150 nuove telecamere (portandole a un totale di oltre 300 in tutta la città) con 600 punti di ripresa e 123 siti monitorati; l'investimento iniziale di 800mila euro, già deliberato, permetterà di installare le prime 87 postazioni con focus principale sulla stazione di Porta Nuova e su borgo Aurora. Un secondo finanziamento di 700mila euro è già stato richiesto a livello ministeriale.

Controllo del territorio ma non solo, perché il sistema si integrerà con le attività sociali svolte sul territorio sia dal Comune che da associazioni e comitati: "La sicurezza urbana - ha assicurato la sindaca Chiara Appendino - è un diritto di ogni cittadino ma le telecamere non bastano: questo percorso, sviluppato insieme a prefettura e questura nell'ambito dei tavoli cittadini, va accompagnato da una riqualificazione materiale e immateriale. Stiamo lavorando, contemporaneamente, su nuovi punti luce".

Le parole d'ordine saranno anche sviluppo e solidarietà: "Se un luogo viene percepito come sicuro da cittadini e investitori - ha commentato l'assessora al welfare Sonia Schellino - diventa automaticamente più vivo e frequentato favorendo l'insediamento di nuove attività e iniziative di diversa tipologia".

L'accensione delle prime telecamere, secondo le previsioni, avverrà a gennaio 2021: "Non si tratta - ha annunciato il comandante della polizia municipale Emiliano Bezzon - di una vigilanza tradizionale ma di un sistema con capacità preventiva in grado di individuare soggetti e situazioni sospette facilitando interventi tempestivi ed eventuali indagini. Grazie ad Argo di sarebbe risolto più facilmente anche l'omicidio dei Murazzi".

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium