/ Cronaca

Cronaca | 27 settembre 2020, 14:23

Omicidio-suicidio a Venaria, il cordoglio della Città della Salute: "Maria, professionista e donna esemplare"

La vittima uccisa ieri a Venaria a colpi di pistola dall'ex compagno lavorava al centro dialisi del Cto

Omicidio-suicidio a Venaria, il cordoglio della Città della Salute: "Maria, professionista e donna esemplare"

"Una professionista e una donna esemplare, inappuntabile". Così la Città della Salute ha voluto ricordare Maria Masi, 42 anni, uccisa ieri sera a Venaria dal compagno Antonino La Targia, 46 anni, che poi si è tolto la vita.

La vittima del brutale assassinio lavorava all'ospedale CTO presso il centro dialisi. Ed è a lei che hanno voluto rivolgere un pensiero "il commissario Giovanni La Valle e gli ospedali di tutta la Città della Salute", che hanno voluto sottolineare la propria vicinanza ai figli e alla famiglia della donna, "in questo momento di dolore per tutti dopo un'inspiegabile tragedia".

Il drammatico episodio (il quarto di questo genere, a Torino e provincia, in poco più di due mesi) è avvenuto intorno alle 19 di sabato 26 settembre. In base a quanto ricostruito dai carabinieri, l'omicidio-suicidio sarebbe legato alla separazione in atto della coppia, che ha due figli da qualche giorno a casa dei nonni materni, dove si era trasferita anche la donna.

L'uomo, che dopo un incidente viveva su una sedia a rotelle, ha atteso la donna in un parcheggio davanti a casa e le ha sparato con una pistola detenuta illegalmente: 6 colpi, che l'hanno raggiunta al corpo.

Alcune ore prima, in modo velato, l'assassino aveva anticipato le sue intenzioni tramite un messaggio su Facebook.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium