Elezioni comune di Torino

 / Cronaca

Cronaca | 21 giugno 2021, 19:00

Finpiemonte, il processo slitta al 2022 per la maternità di uno dei due giudici

Sei le persone accusate di peculato, tra cui l'ex presidente Fabrizio Gatti

finpiemonte - foto di repertorio

Finpiemonte, il processo slitta al 2022 per la maternità di uno dei due giudici

Slittano alla primavera del 2022 le conclusioni del processo sull'ammanco di sei milioni di euro dalle casse di Finpiemonte, la 'cassaforte' della Regione Piemonte.

L'ex presidente della finanziaria regionale, Fabrizio Gatti, è accusato di peculato con altre cinque persone: Pio Piccini, Massimo Pichetti, Giuseppe Arabia, Giuseppe Colucci e Francesco Cirillo, direttore della filiale svizzera Vontobel. Per il 30 giugno è in calendario l'ultima udienza. Poi, per la maternità di una dei giudici, il rinvio al prossimo anno.

Durante l'udienza di questa mattina al Palazzo di Giustizia 'Bruno Caccia' è stata ascolta l'ex direttrice generale della finanziaria regionale, Maria Cristina Perlo, accusata di "non aver impedito, pur avendone l'obbligo giuridico, la commissione del reato", che ha ripercorso le tappe della vicenda. Secondo l'accusa, rappresentata dal pubblico Francesco Pelosi, i sei milioni di euro sarebbero serviti a salvare la Gem, immobiliare riconducibile a Gatti.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium