/ Attualità

Attualità | 28 novembre 2021, 16:42

Aspetta e "Ispera": Torino conferma l'esistenza di una squaletta nata senza l'intervento di un "papà"

La neonata di palombo, nata in un acquario sardo, è stata generata per partenogenesi: la scoperta è stata fatta dalle analisi dell'Istituto zooprofilattico di Torino

cucciolo di palombo

La piccola Ispera, nata senza l'intervento di un papà squalo

Aspetta e Ispera. Si chiama così il cucciolo di palombo (una femmina) nato poche settimane fa presso un acquario sardo (il Cala Gonone di Dorgali, in provincia di Nuoro) e che dimostra come l'uomo - in natura - se si parla di riproduzione potrebbe anche diventare inutile.
Secondo gli studi e le analisi effettuate a Torino, presso l'Istituto Zooprofilattico del Piemonte, infatti è emerso che la piccola è nata per partenogenesi. Insomma: ha fatto tutto la mamma. È il primo caso al mondo di riproduzione virginale documentata scientificamente in questa specie. 

La storia

Nel maggio scorso Ispera era venuta alla luce nella grande vasca pelagica (300mila litri) dell’Acquario di Cala Gonone, che oltre a cernie, ricciole, e molte altre specie mediterranee, ospita da circa 10 anni due femmine adulte di palombo. 

Per confermare la partenogenesi e definire con certezza da quale delle due femmine fosse nata Ispera, sono stati utilizzati dei “marcatori microsatellite” specifici per questa specie. 

Nel 2020 era avvenuta un’altra nascita di uno squalo femmina, che purtroppo non era sopravvissuta, ma della quale era stato conservato del materiale biologico. Anche in questo caso è stata confermata la riproduzione per partenogenesi. 

Ma la notizia straordinaria è che a dare alla luce questa “piccola” non è stata la mamma di Ispera, ma l’altra femmina adulta ospitata nella vasca pelagica.  

Specie a rischio

La nascita di “Ispera” è una notizia ottima perché la specie, a causa della pesca eccessiva, è a grave rischio di estinzione, tanto da essere stata inserita nella lista rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura come specie vulnerabile. 

Ad oggi Ispera pesa circa 1200 grammi e misura 45 centimetri. È ospitata in una delle vasche curatoriali dell’Acquario di Cala Gonone, dove si alimenta con regolarità seguendo una dieta a base di gamberi, calamari e piccoli pesci, e sembra godere di ottima salute. 

Il Mustelus mustelus è uno squalo della famiglia dei Triakidae, conosciuto comunemente come palombo. Diffuso nell'Oceano Atlantico e nel Mar Mediterraneo, non è pericoloso per l'uomo, può raggiungere la taglia massima di 2 metri e 24 anni di età.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium